Un piano straordinario per l’occupazione giovanile

“La Regione investe 55 milioni di euro per combattere la precarietà e qualificare il lavoro dei giovani”

Il piano straordinario per l’occupazione dei giovani e per le competenze delle imprese prevede quattro fondi con una dotazione complessiva di 46 milioni di euro: il fondo apprendistato (20 milioni), il fondo per l’assunzione e la stabilizzazione (20 milioni), il fondo 30-34 anni (3 milioni) e il fondo fare impresa (3 milioni). Il piano comprende inoltre due accordi con i fondi interprofessionali For.te e Fon.ter.

Vediamo i fondi nello specifico. Con il fondo apprendistato la Regione promuove il contratto di apprendistato per l’importante contenuto formativo che permette ai giovani di incrementare le proprie competenze. Vengono definiti tre percorsi, diversificati in funzione delle condizioni di accesso, come età e titoli posseduti dai ragazzi. Per tutti e tre i percorsi la Regione finanzia il percorso formativo attraverso voucher e riconosce alle imprese un incentivo legato alla formazione.

Per i giovani fino a 25 anni di età, sprovvisti di titolo di qualifica o di diploma, la Regione incentiva il contratto di apprendistato per la qualifica e per il diploma. Per i giovani tra i 18 e i 29 anni il contratto previsto è l’apprendistato professionalizzante o il contratto di mestiere, in cui la parte formativa di 120 ore nel triennio è parte integrante del contratto di lavoro. Per i giovani fino a 30 anni in possesso di un diploma o di una laurea la tipologia contrattuale incentivata dalla Regione è l’apprendistato di alta formazione e ricerca.

Il fondo per l’assunzione e la stabilizzazione prevede incentivi all’assunzione o alla trasformazione di altre forme contrattuali a tempo indeterminato. Una nuova assunzione a tempo indeterminato sarà incentivata per un lavoratore uomo con 7mila euro, per una lavoratrice con 8mila. La trasformazione di un contratto di apprendistato in contratto a tempo indeterminato sarà incentivata con 3mila euro per i lavoratori e 4mila per le lavoratrici, mentre la trasformazione di altri tipi di contratto, diversi dall’apprendistato, riceveranno 6mila euro per gli uomini e 7mila per le donne.

Gli incentivi saranno graduati, da 0 al 150%, attribuendo premi maggiori alle aziende che non hanno licenziato al 31 dicembre 2011: se l’azienda ha licenziato da meno di 12 mesi non avrà alcun incentivo, se ha licenziato nel periodo compreso tra 12 e 24 mesi riceverà il 50%, da 24 a 36 mesi avrà il 100% dell’incentivo, se invece sono almeno 36 mesi che non ha licenziato riceverà il 150%. Inoltre il contratto di lavoro dovrà essere mantenuto per almeno 3 anni, periodo in cui l’azienda non potrà ricorrere agli ammortizzatori sociali per i lavoratori assunti, pena la revoca dell’incentivo. Il monitoraggio dell’andamento delle assunzioni e del mantenimento in organico dei lavoratori assunti con l’incentivo sarà effettuato dalla Regione ogni 6 mesi attraverso il Sistema Informativo Lavoro dell’Emilia-Romagna.

Con il fondo 30 – 34 la Regione finanzia il percorso formativo attraverso i voucher, realizzato prima dell’accensione del contratto per ridurre il divario tra le competenze richieste dall’impresa e le competenze possedute dai giovani, e favorirne quindi l’assunzione a tempo indeterminato.

Il fondo fare impresa prevede percorsi formativi e di consulenza ad accesso individuale per i giovani dai 18 ai 34 anni, personalizzabili nella durata, nelle competenze in ingresso e in uscita, e nei servizi e che saranno erogati dagli enti di formazione accreditati.

La Regione inoltre intende finanziare anche un’offerta di azioni formative e di accompagnamento a supporto delle imprese e dei sistemi di imprese che hanno attivato processi di riorganizzazione, riposizionamento e innovazione per affrontare la ripresa economica. Attraverso appositi bandi saranno finanziate azioni di accompagnamento per innalzare le competenze dell’imprenditore e delle figure chiave, che permettano alle impresa un posizionamento competitivo.

“I dati sulla disoccupazione giovanile in Emilia-Romagna – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – vedono disoccupati il 13,5% (29% il dato nazionale) dei giovani tra i 15 e i 29 anni, mentre è stimata attorno al 5,6% la percentuale dei cosiddetti invisibili: ragazzi che non studiano, non lavorano e non sono in cerca di occupazione. Inoltre sono circa 120mila i giovani con contratti di lavoro atipici. Questa situazione rischia di deprimere e frustrare un’intera generazione che, per la prima volta dal dopoguerra, trasforma la sua precarietà lavorativa in precarietà esistenziale. Ecco perché la nostra Regione ha fatto una scelta ben precisa: combattere la precarietà, investendo massicciamente sui giovani, sull’apprendistato, sulla stabilizzazione e sulla buona occupazione delle nuove generazioni, mettendo a disposizione, fin dai prossimi giorni (perché le misure sono operative da subito), 46 milioni di euro (a cui si sommano ulteriori 9 milioni di euro, frutto degli accordi con i fondi interprofessionali) per le imprese che vogliono assumere giovani, per poi formarli e qualificarli, con meccanismi incentivanti per quelle aziende che, negli anni scorsi, non hanno licenziato. Competitività e innovazione delle imprese, formazione e occupazione dei nostri giovani sono temi centrali: da questi passa il futuro dell’intera comunità regionale”.

È possibile scaricare la DELIBERA di GIUNTA cliccando qui.

È possibile scaricare le SLIDES ILLUSTRATIVE del PIANO cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Un piano straordinario per l’occupazione giovanile

  • imerio

    Questi fondi vanno alle aziende al momento del cambio del contratto o solo dopo qualche anno, a fronte anche di una deposizione firmata dal lavoratore assunto con la quale dichiara un corretto e civile ambiente lavorativo e che, di conseguenza, l’azienda merita dunque il contributo?

    • Caro Imerio,
      ovviamente potranno essere incentivate solo le imprese in regola con le normative del settore (legge 68/1999 e Dgs 81/2008) e con l’applicazione dei CCNNLL.
      Vi sono poi limitazioni per le imprese che hanno fatto ricorso alla cassa integrazione straordinaria,o che hanno proceduto a licenziamenti, così come per quelle che abbiano in atto sospensioni di rapporti o riduzioni dell’orario di lavoro con diritto al trattamento di integrazione salariale (CIGO e CIGS e Deroga).
      L’impresa dovrà altresì mantenere il contratto di lavoro per almeno 3 anni e non ricorrere, per lo stesso periodo, ad ammortizzatori sociali per i lavoratori assunti o trasformati, pena la revoca dell’incentivo concesso.
      Con cadenza semestrale la Regione procederà, mediante il Sistema Informativo Lavoro dell’Emilia-Romagna (SILER), al monitoraggio dell’andamento delle assunzioni, del mantenimento in organico dei lavoratori assunti o trasformati e delle eventuali revoche degli incentivi concessi.
      Sarà data opportuna informazione degli esiti del monitoraggio tramite la diffusione di un report.
      Un caro saluto,
      Damiano Zoffoli