Assieme alle Associazioni, a favore dell’introduzione del reato di omicidio stradale

400 milioni di euro all’anno la spesa socio-sanitaria, in Emilia-Romagna, legata agli incidenti della strada

Una occasione per dare alla campagna per l’introduzione del reato di omicidio stradale “visibilità e soprattutto un riconoscimento istituzionale all’interno degli spazi della Regione”. Così Marco Lombardi, Presidente della Commissione regionale Affari generali e istituzionali, introduce il convegno “GUIDARE A FARI SPENTI NELLA NOTTE”, promosso dalle Associazioni dei parenti delle vittime, che questo pomeriggio, presso la Terza Torre della Regione Emilia-Romagna, ha permesso di fare il punto della situazione sulle proposte per la nuova fattispecie di reato. “Abbiamo scelto di metterci al servizio delle Associazioni dei parenti delle vittime perché condividiamo le finalità della loro iniziativa, – spiega Lombardi – una percentuale molto alta di morti ha una causa ben precisa, ed è la guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di stupefacenti, è inaccettabile che ad oggi la pena sia la stessa di un incidente realmente fortuito”.

Secondo il Presidente della commissione regionale Trasporti, Damiano Zoffoli, “sotto questo punto di vista dobbiamo ancora fare tanti passi avanti, siamo molto al di sopra della media Ue per il numero di vittime e non brilliamo neanche rispetto al resto del Paese. – ammette – Nel Piano regionale integrato dei trasporti 2010-2020 abbiamo messo al centro la sicurezza, ma per ottenere risultati bisogna puntare su educazione e prevenzione e noi spendiamo troppo poco in questa direzione”. Senza considerare che “bisogna pensare non solo alle vittime, ma anche ai feriti e agli invalidi a causa degli incidenti”, ragiona Zoffoli, che dichiara di essere personalmente favorevole all’introduzione del reato di omicidio stradale. Ogni anno, ricorda, l’Emilia-Romagna “ha una spesa socio-sanitaria di 400 milioni di euro a causa degli incidenti”: insomma, “chi uccide sotto effetto di alcool o droga non può restare impunito”, avvisa il Consigliere, “non è questione di emotività ma di fare leggi giuste”.

E per una legge più giusta si batte da due anni Stefania Guarnieri, Presidente dell’Associazione dedicata al figlio Lorenzo, diciassette anni, “vittima innocente” di un adulto al volante nonostante l’alcool e la droga rilevati nel suo sangue. “È stato facile capire che la morte di mio figlio sarebbe rimasta impunita, per questo ben prima della sentenza abbiamo costituito l’Associazione, – racconta – e dopo un anno abbiamo raccolto 60.000 firme per l’introduzione del reato di omicidio stradale”. Non si tratta di una generica petizione, ma di una vera e propria proposta di legge che si basa sull’introduzione del reato specifico, con l’aumento delle pene fino a un minimo di 8 anni e un massimo di 18, sull’arresto in flagranza e sulla revoca definitiva della patente già al primo caso. “In nove mesi abbiamo raggiunto una quantità di sottoscrizioni davvero importante, tante persone sembrava non aspettassero altro, – commenta Guarnieri – non è facile ottenere l’attenzione della politica, che se ne parli in un luogo istituzionale è già un successo”.

Allo stesso modo Giordano Biserni, Presidente dell’Associazione sostenitori ed amici della Polizia stradale, ribadisce come uno degli impegni più importanti sia proprio “tenere alta l’attenzione sul tema, abbiamo osservato che alcune pene sono aumentate, – spiega – ma rimangono ancora troppi fatti che non si possono definire in altra maniera se non imbarazzanti, come i due recenti casi della turista statunitense investita a Firenze o del ciclista di Macerata, dove chi era alla guida ha pagato il conto praticamente solo per l’omissione di soccorso”. La conclusione di Biserni è amara: “Oggi la condanna di chi uccide guidando sotto effetto di alcol o droga è scritta sulla sabbia, e questo è un affronto non solo alle famiglie della vittime ma a tutto il sistema della giustizia”.

Che il tema sia però al centro dell’agenda della politica lo assicura Mario Valducci, Presidente della Commissione Trasporti alla Camera e titolare di una proposta di legge per l’introduzione del reato di omicidio stradale che ricalca nella maggior parte degli aspetti quella per cui Stefania Guarnieri ha raccolto quasi 60.000 firme: “L’introduzione di una nuova fattispecie di reato permette di lanciare il messaggio ben preciso che il ‘caso’ per chi guida in stato di ebbrezza, sotto effetto di sostanze o decisamente oltre il limite di velocità – sostiene – non è provocare un incidente, ma semmai non farlo”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.