Nuovi tagli ai costi della politica: rimborsi chilometrici, indennità, vitalizi

Sono d’accordo con la proposta del Presidente Matteo Richetti, di ulteriori tagli ai costi di funzionamento dell’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna, da concretizzare in tempi rapidi.
Credo che in un momento di grave crisi per tante famiglie ed imprese, come quello che stiamo vivendo anche in Emilia-Romagna (che pure rimane tra la Regioni più avanzate e ricche d’Europa), e in un periodo di allontanamento crescente tra le Istituzioni e i cittadini, sia indispensabile, per il bene e il futuro della democrazia, fare scelte che aiutino a recuperare la dignità e la credibilità della Politica e dei politici.
Personalmente non ho mai pensato l’impegno politico come uno strumento per accumulare ricchezza, ma come una passione ed un servizio, un dovere da svolgere con umiltà e determinazione; ed è in questo modo che ho cercato di viverlo, pur consapevole dei miei limiti.
Avanti, dunque, con le “forbici” a tutti i livelli istituzionali ma, allo stesso tempo, lavoriamo con ago e filo per ricucire e ricostruire il tessuto delle nostre comunità e ridare speranza ai nostri giovani e al Paese.
Damiano Zoffoli

 

ASSEMBLEA E-R. RICHETTI: “TAGLIO AI RIMBORSI CHILOMETRICI, CONGELAMENTO INDENNITÀ, DIVIETO DI CUMULO CON I VITALIZI”

Taglio netto dei rimborsi chilometrici (dagli attuali 0,81 a 0,50 centesimi a chilometro), revisione del meccanismo per ottenerli, dietro puntuale presentazione di pezze d’appoggio certe, congelamento delle indennità dei consiglieri regionali per tutta la legislatura e divieto di cumulo fra vitalizio e altre indennità pubbliche. Inoltre, un altro milione di euro restituito a giugno alla Giunta, frutto di ulteriori risparmi nel bilancio dell’Assemblea e destinato a politiche anti-crisi a favore dei giovani e dell’occupazione. Il presidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna, Matteo Richetti, non ci sta (“in questi giorni ho letto di tutto”) e mette sul tavolo le sue proposte e decisioni.

A partire dai rimborsi chilometrici per i consiglieri regionali. La riforma del meccanismo di assegnazione è già partita nel marzo 2011 con una fase di sperimentazione e prevede il rimborso fino a un massimo di 12 volte al mese e con presenze dei consiglieri certificate dall’utilizzo di badge magnetici (mentre in precedenza veniva concesso a forfait fino a 16 volte al mese, 32 considerando andata e ritorno): un meccanismo, quello attuale, che ha portato a un risparmio di spesa del 10% nell’ultimo anno.

“Sulla carta i rimborsi sono fissati a 0,81 centesimi a chilometro, – afferma Richetti – ma poiché vengono riconosciuti fino a un massimo di 12 presenze mensili e tali presenze sono sempre di più, il rimborso medio effettivo calcolato sulle presenze reali dei consiglieri è inferiore rispetto ai 0,81 centesimi nominali. Detto questo, e finita la sperimentazione di un anno del nuovo meccanismo, che aveva l’obiettivo di ridurre la spesa per l’Assemblea, traguardo centrato, le regole attuali si prestano a rilievi non campati in aria. Per questo al prossimo Ufficio di Presidenza proporrò una modifica del regolamento sui rimborsi che abbia un effetto immediato: la riduzione del rimborso concesso da 0,81 a 0,50 centesimi al chilometro, corrispondente, tabelle Aci alla mano, al rimborso per l’utilizzo di un’auto di media cilindrata. Rivedremo anche il sistema di concessione del rimborso: per averlo serviranno pezze d’appoggio che dimostrino il reale uso della macchina, oltre, ovviamente, all’effettiva presenza del consigliere in Assemblea”.

Non solo rimborsi, però. “Il mio auspicio, la mia richiesta – prosegue Richetti – è che il Consiglio voglia al più presto mettere a punto un testo unico di riordino sul trattamento economico dei consiglieri e il funzionamento dell’Assemblea, che fissi tre elementi: indennità congelate fino alla fine della legislatura e non superiori al 65% di quelle dei parlamentari (e quindi a 3 mila euro); fondo unico dei gruppi e conseguente razionalizzazione delle spese; divieto di cumulo del vitalizio con altre indennità pubbliche”.

“Si tratta di settori – sottolinea il presidente dell’Assemblea – sui quali comunque non siamo rimasti con le mani in mano. Voglio infatti ricordare che da inizio legislatura abbiamo ridotto del 30% le indennità di consiglieri regionali (l’ultimo taglio, del 10%, è scattato da gennaio scorso), che abbiamo tagliato il bilancio di 6 milioni di euro in due anni e che ci apprestiamo a restituire un milione di euro alla Giunta, a giugno, da destinare a misure anti-crisi e per l’occupazione giovanile. Intendo dunque completare quell’operazione trasparenza che ci ha portato a mettere online sul portale dell’Assemblea tutti i dati possibili, dalle indennità ai budget dei gruppi consiliari, fino alla composizione degli staff e agli organici, per un’operazione di verità che però sia davvero tale, mentre invece apprendo di tripli rimborsi a favore dei consiglieri regionali… Ci tengo invece a ribadire che le indennità dei consiglieri dell’Emilia-Romagna sono fra le più basse in Italia, se non le più basse in assoluto: 5.348 euro (3.071,43 quale indennità di carica più 2.277,02 di rimborsi per l’attività politica)”.

(Fonte: Quotidiano E-R online – L’informazione dell’Assemblea Legislativa)

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

6 comments to Nuovi tagli ai costi della politica: rimborsi chilometrici, indennità, vitalizi

  • Paolo Zammarchi

    Bravo Richetti, anvati così!! Quando, da più parti, si sta alimentando il vento forte dell’antipolitica che – sull’onda di scandali veri e giuste rivendicazioni (basta sprechi, assoluta trasparenza, ecc.) – vorrebbe spazzare via i partiti mettendo a rischio la democrazia, ben vengano iniziative come quelle annunciate che restituicono dignità all’impegno politico, dimostrando che ci sono ancora persone che possono e vogliono operare onestamente con spirito di servizio per il bene comune, non per ottenere privilegi personali.

  • Quello di ridurre e rendere trasparenti i costi della politica è il minimo che si possa fare in momenti come questi in cui a carico degli stipendi e delle pensioni si è scaricato tutto il possibile del peso della crisi.
    Questo piccolo e tardivo sforzo non servirà a scusare e perdonare i politici di ogni livello che, nel silenzio, hanno goduto di condizioni estremamente favorevoli e per nulla trasparenti (come appare nelle modalità suddette dei rimborsi chilometrici precedenti senza effettivo uso dell’auto e per un numero forfettario ed elevato di volte ogni mese).
    Mi pare che si continua a non capire che la collera accumulata è tanta e speriamo non favorisca troppo il rifiuto globale dei partiti favorendo situazioni antidemocratiche.

    • Gentile Walter Faraoni,

      quello della riduzione dei costi della politica era uno dei precisi impegni che avevo assunto in campagna elettorale. Un gesto di buon senso e di giustizia, soprattutto in un periodo di grave crisi, come quello che stiamo vivendo.

      Dall’inizio di questa Legislatura, come è scritto nel testo del post, abbiamo ridotto le nostre indennità del 30% (l’ultimo taglio, del 10%, è scattato da gennaio scorso), abbiamo eliminato le auto blu (di cui io non ho mai fatto uso) e i vitalizi (a partire dal 2015). Queste operazioni hanno portato un risparmio di alcuni milioni di euro nelle casse della Regione che, in parte, abbiamo deciso di destinare a misure anti-crisi e per l’occupazione giovanile.

      Con il risultato che, ad oggi, la Regione Emilia-Romagna è, assieme alla Toscana, quella che costa meno (lo dicono Rizzo e Stella, portandola ad esempio per le altre, e rilanciando la proposta di un costo “standard” per la politica: http://www.matteorichetti.it/2011/11/04/chiamiamolo-parametro-8-euro/).

      Per quanto riguarda la trasparenza posso dirle che, qui nel mio sito, dall’estate scorsa, c’è un’apposita sezione (http://www.damianozoffoli.com/trasparenza/) ad hoc, dove, proprio per rendere conto del mio lavoro quotidiano e rispondere della fiducia che mi è stata accordata (con le migliaia di preferenze ricevute alle elezioni regionali), ho trovato doveroso raccogliere il dato delle mie presenze ai lavori (Commissioni e Aula) in Regione, le mie ultime buste paga, i rimborsi chilometrici (variabili in base alle mie effettive presenze – anzi, con un tetto massimo di 12, che ho più volte superato – in Regione, dove mi sono sempre recato in auto, come il mio telepass può “testimoniare”) , le erogazioni liberali, la mia annuale dichiarazione dei redditi (che poi viene pubblicata anche sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna), il mio stato patrimoniale e, infine, le risorse assegnatemi (e che ho deciso di non spendere, così come ho rinunciato ad avere una carta di credito) in qualità di Presidente di Commissione per le spese di rappresentanza.

      A fine marzo scorso, l’Assemblea Legislativa ha poi approvato la legge “Anagrafe pubblica degli eletti e dei nominati. Disposizioni sulla trasparenza e l’informazione” con cui si fa un ulteriore passo avanti nel percorso avviato per rendere sempre più trasparente il “palazzo” della Regione, grazie ad una maggiore e più organizzata pubblicazione di informazioni sui protagonisti della vita politica e istituzionale – sia i Consiglieri regionali eletti sia i nominati nelle società partecipate (questa è la vera novità!) – che saranno a disposizione di tutti i cittadini su internet.

      La Legge prevede inoltre (e questo, a mio avviso, è un punto qualificante) che sia rendicontata agli elettori tutta l’attività svolta nelle sedi istituzionali, per meglio condividere e discutere, nel merito, i provvedimenti adottati e le loro ricadute sui territori.

      Ecco, io non so dirle se quanto fatto, come ho cercato di riassumere qui sopra (e mi scuso per la lunghezza) sia, come lei scrive, “il minimo che si possa fare”, “un piccolo e tardivo sforzo che non servirà a scusare e perdonare i politici di ogni livello che, nel silenzio, hanno goduto di condizioni estremamente favorevoli e per nulla trasparenti”.

      Sicuramente ancora altro si può, e si deve fare, ma proprio per evitare che la tanta collera accumulata, come lei stesso dice, “non favorisca troppo il rifiuto globale dei partiti favorendo situazioni antidemocratiche” sarebbe bene non fare di tutta l’erba un fascio, provare a distinguere e a giudicare le persone per la loro presenza, il loro impegno, per quello che fanno o non fanno.

      E non solo per le loro buste paga. Come forse sa, prima di essere eletto in Consiglio regionale facevo il dentista e, come può immaginare, non mi potevo certo lamentare né del mio lavoro, né della mia retribuzione.

      Personalmente, infatti, non ho mai pensato l’impegno politico come uno strumento per accumulare ricchezza, ma come una passione ed un servizio, un dovere da svolgere con umiltà e determinazione; ed è in questo modo che ho cercato di viverlo, pur consapevole dei miei limiti.

      Un cordiale saluto,

      Damiano Zoffoli

  • Fringui

    Chi ti conosce personalmente, Damiano, può confermare il tuo impegno disinteressato e la tua onestà. Ma si può affermare la stessa cosa dei tuoi colleghi eletti? Certo non bisogna fare di tutta l’erba un fascio, ma è pur vero che i politici onesti, preparati e idealisti sono ancora troppo pochi e non riescono a incidere significativamente.
    Certo la nostra Regione ha fatto dei passi avanti sulla riduzione dei costi della politica, ciò non toglie che tantissimo ci sia ancora da fare per ridurre maggiormente sprechi e privilegi.
    Ritengo anch’io che si tratti comunque di sforzi tardivi: non ci si deve infatti paragonare alle altre Regioni meno virtuose, bensì a quanto accade nella normale quotidianità dei cittadini, da cui i nostri politici spesso sono distanti anni luce.

  • Salve caro Damiano Zoffoli,

    mi dispiace che le mie considerazioni sui tagli alla politica, siano state considerate un giudizio tardivo e negativo sulla sua attività ed il suo impegno a modificare quello che non va nella condizione e nel trattamento economico dei politici.

    La conosco da tempo e seguo la sua attività nel suo sito e con gli altri strumenti che internet ci offre, attività positiva che apprezzo molto, se non altro per l’impegno davanti ad elettori e cittadini di rendere conto dell’attività svolta e farsi guardare “dentro” senza timori. Tra l’altro siamo “amici” in Facebook, sono elettore -non sempre iscritto- suo e del PD, e sicuramente anche lei mi conosce di vista perchè ci si incrocia in varie assemblee politiche e perchè da molti anni ho uno studio di pittore a Cesenatico, in via Baldini, luoghi che sicuramente conosce molto bene.

    Le considerazioni fatte erano rivolte alla lentezza e alle varie marce indietro che si vedono nella politica in generale, ma specialmente in quella nazionale, nell’agire al ridimensionamento dei costi ed all’eliminazione dei privilegi che sono tanti, e sicuramente non si conoscono tutti, in un momento in cui, nel tentativo di risanamento, si scaricano costi a non finire principalmente sulla gente normale.
    La collera di cui parlavo è data dalla consapevolezza che per chi ha redditi di molte migliaia di euro – e non sono solo i politici – i costi in più imposti dalle varie tasse di risanamento non fanno neanche il solletico, mentre nelle famiglie dove mediamente il reddito è attorno ai mille/millecinquecento euro impongono restrizioni e rinunce.
    Avere quindi visto che non solo non si è stati i primi a fare rinunce, ma si fa qualcosa solo tardi e male con varie marce indietro, è alla base della sfiducia e distacco di cui danno la misura i vari sondaggi statistici. E’ questo che mi fa temere sbocchi antidemocratici.

    Quindi, ripeto, le mie considerazioni non erano un disconoscere la sua attività ed il suo impegno, ma un giudizio sul comportamento della politica in generale, in definitiva della “casta” che in definitiva ha dimostrato di meritarsi questo appellativo.

    Cordiali saluti.

    Walter Faraoni

    • Caro Walter,
      la ringrazio per la stima e per l’attenzione che riserva al mio lavoro, che ricambio.
      Certamente anche il risultato elettorale delle amministrative conferma la necessità di un profondo rinnovamento della Politica, dei partiti e degli uomini.
      Per quanto riguarda il Consiglio regionale dell’Emilia-Romagna, nel frattempo, quelli che erano propositi, sono diventati fatti (vedi il giusto taglio ai rimborsi).
      Sicuramente non basta. Ma continueremo su questa strada, anche per recuperare ruolo, funzione e dignità della Politica e non mettere a rischio la democrazia.
      Un carissimo saluto e buon lavoro,
      Damiano Zoffoli