Fotovoltaico, no ad una repentina diminuzione degli incentivi

“Mettere, al più presto, la questione energetica al centro dell’agenda del Paese”

Il V Conto Energia e i Decreti sulle rinnovabili, così come sono, non ci soddisfano. È anche per questo che abbiamo presentato una risoluzione, condivisa da tutta la maggioranza di centrosinistra, che chiede alla Giunta Errani di fare sentire la sua voce perché il Governo li corregga, raccogliendo così le preoccupazioni dei Sindaci, che rischiano di veder svanire progetti già avviati, e di tanti operatori del settore” dichiara il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, tra i firmatari del testo.

“Il Governo Monti sembra prospettare una repentina diminuzione degli incentivi sul fotovoltaico – si legge nel testo della risoluzione – che rischierebbe di mettere in ginocchio uno dei pochi settori produttivi dell’imprenditoria italiana, che conta quasi 63.000 addetti”, oltre ad allontanare dagli obiettivi di riduzione dei consumi e di incremento della produzione di energia da fonti rinnovabili che anche l’Europa impone.

Nella risoluzione si ricordano i punti fermi del Piano Energetico Regionale, in particolare l’impegno di passare dagli attuali 1.150 megawatt prodotti da fonti rinnovabili a 2.200-2.750 megawatt nel 2014, e tra i 6.550 e i 7.960 megawatt nel 2020. Risultati attesi che però “potrebbero essere messi in discussione da scelte nazionali disincentivanti non contestualizzate dentro una programmazione energetica di lungo periodo” e un preciso Piano Energetico Nazionale, che ancora manca.

Nel 2011 il settore del fotovoltaico ha registrato “un costante e significativo sviluppo con l’installazione di circa 9,3 gigawatt in più rispetto al 2010″; allo stesso tempo si sono “abbassati i costi delle componenti necessarie all’installazione”.

È senz’altro opportuno – affermano i Consiglieri regionali, firmatari del testo – ridefinire il sistema degli incentivi, che incidono sulla collettività con costi aggiuntivi sulla bolletta elettrica”. La riduzione, però, “andrebbe introdotta con gradualità, salvaguardando l’occupazione del settore e permettendo alle Regioni di portare avanti le programmazioni energetiche” sulle fonti rinnovabili; soprattutto in un Paese che dipende ancora per quasi il 90% del proprio fabbisogno energetico dall’estero, e in cui l’85% della produzione energetica deriva da fonti fossili.

“Chiediamo al Governo di modificare i Decreti presentati: bisogna assicurare la continuità produttiva, evitare i registri per impianti di piccole dimensioni, eliminare la burocrazia. È invece fondamentale mantenere gli incentivi riguardo a situazioni ambientali particolari, come la sostituzione dei tetti in eternit, le discariche esaurite o le aree industriali da bonificare. Quello della green economy, infatti, è uno dei settori che anche in una difficile fase economica come quella che stiamo vivendo ha continuato a rafforzarsi, creando lavoro e facendo crescere imprese e filiere produttive, soprattutto nella nostra Regione” conclude il Consigliere Zoffoli.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.