Al via il Programma regionale delle attività produttive e della ricerca

Ben 180 milioni di euro, in tre anni, sono le risorse previste per il nuovo Programma regionale delle attività produttive e della ricerca industriale per il 2012-2015.

Gli obiettivi del programma sono: innalzare il livello di competitività e di attrattività territoriale, promuovere un ecosistema efficiente della ricerca e dell’innovazione, garantire una domanda pubblica e privata orientata all’innovazione, sostenere il rafforzamento tecnologico ed organizzativo delle filiere, accrescere il livello di internazionalizzazione delle imprese, garantire finanza per la nascita, la crescita e l’innovazione delle imprese.

Dopo un anno di confronto con la società emiliano romagnola, la Giunta regionale ha approvato il documento relativo ai due Programmi delle attività produttive e della ricerca, che nei prossimi mesi dovrà essere approvato dall’Assemblea Legislativa.

Sono sei i programmi operativi, a cui si aggiunge l’assistenza tecnica, individuati come strumenti attuativi del programma rispondenti ad una logica di specializzazione delle policies ed integrazione degli strumenti, tesi a garantire operatività, strategicità e continuità nel tempo.

Nel dettaglio si tratta: ricerca industriale e trasferimento tecnologico (Prriitt) con 45 milioni di euro in tre anni; innovazione, qualificazione e responsabilità sociale delle imprese (36 milioni di euro in tre anni); finanza per la crescita e lo sviluppo delle imprese (30 milioni di euro in tre anni); internazionalizzazione per il sistema produttivo (42 milioni di euro in tre anni); sviluppo territoriale e attrattività (24 milioni di euro in tre anni); semplificazione, sviluppo digitale e partenariato (1,5 milioni di euro in tre anni); assistenza tecnica (1,5 milioni di euro in tre anni).

Gli interventi, e le risorse previste per realizzarli, risultano fondamentali per affrontare i temi posti dalla crisi economica e puntare alla crescita.

I documenti di programmazione economica si muovono nel solco del “Patto per la crescita intelligente, sostenibile e inclusiva” – promosso dalla Regione e sottoscritto dalle Istituzioni e dalle Associazioni imprenditoriali e sindacali – che punta a promuovere un sistema produttivo dinamico e competitivo fondato sull’uso efficiente delle risorse, sulla circolazione di conoscenza, creatività ed innovazione, assicurando sia elevata occupazione che qualità del lavoro. Sapere, green economy e made in Italy gli assi attorno a cui ruotano gli interventi.

“Con le azioni e le risorse messe in campo – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – la nostra Regione vuole migliorare l’accesso al credito, per dare alle imprese le risorse necessarie per investire; continuare a puntare su innovazione e formazione; premiare le aziende virtuose e favorire misure di stimolo alla crescita economica, a partire da quel sistema imprenditoriale che in questi anni ha saputo resistere alla crisi, interpretando i cambiamenti dei sistemi produttivi internazionali, e che ora continua a mettersi in gioco assicurando così buona occupazione”.

È possibile scaricare i PROGRAMMI, e tutta la documentazione, cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Al via il Programma regionale delle attività produttive e della ricerca