Servizio civile, esperienza da difendere e valorizzare

Il Servizio civile nazionale in Italia è in crisi a causa di un taglio dei fondi governativi che ha portato gli stanziamenti dai 296 milioni di euro del 2007 ai 68,8 del 2012 e per questo motivo l’Emilia-Romagna deveproseguire nel suo impegno, anche finanziario, per continuare l’esperienza di Servizio civile regionale che ha, fin ad ora, dato buoni risultati”.

A sottolinearlo in una interrogazione alla Giunta, in cui comunque ricorda come la Regione al momento destini già ogni anno al Servizio civile regionale “oltre 507.000 euro di risorse proprie” coinvolgendo 140 giovani, è il Consigliere del Pd, Damiano Zoffoli.

Zoffoli chiede poi alla Giunta una attenta attività di mediazione a livello di politica nazionale: infatti, spiega, bisogna “lavorare per una riforma organica del Servizio civile nazionale, che è ancora legato alla ‘difesa della Patria con mezzi ed attività non militari’”, “presidiare i prossimi tavoli tecnici” affinché “le scelte strategiche che riguardano il Servizio civile nazionale siano raggiunte grazie a percorsi condivisi con le realtà nazionali e regionali, che da anni operano nel settore” e infine “salvaguardare l’istituto del Servizio civile nazionale, chiedendo al Governo di mettere a disposizione le risorse necessarie, scongiurandone così la cessazione”.

 È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.