Partecipazione, la Giunta regionale approva il programma regionale

La Regione sosterrà con 200 mila euro le proposte e attività di partecipazione degli Enti locali e metterà a disposizione le proprie competenze e il proprio lavoro per sostenerne i progetti

Cittadini più informati e coinvolti nelle decisioni che hanno ricadute nella vita dei Comuni e delle comunità locali. La Giunta regionale ha approvato un progetto, che ora sarà discusso dall’Assemblea Legislativa, che disciplina l’insieme delle linee guida che compongono il “Programma regionale per la partecipazione” e fa il punto sulle esperienze realizzate e in essere.

Forte dei risultati degli anni scorsi la Regione dà attuazione alla legge regionale in materia, con l’obiettivo di rendere i cittadini dell’Emilia-Romagna più protagonisti nelle scelte degli Enti locali, rafforzando il coinvolgimento delle singole persone e dei gruppi di cittadini in specifici e delicati momenti e temi: dai progetti sulla mobilità sostenibile alle scelte relative alla riqualificazione urbana, dai temi ambientali alle nuove infrastrutture.

“Si tratta di un metodo di lavoro ispirato alle migliori esperienze europee: – sottolinea Simonetta Saliera, Vicepresidente della Regione Emilia-Romagna – meglio discutere chiaramente e diffusamente, prima di iniziare la realizzazione di un’opera o un cambiamento nell’organizzazione di una realtà, piuttosto che trovarsi poi a fronteggiare problemi e malumori successivi. L’esperienza di questi anni, ispirata alla filosofia del dialogo, fa ben sperare”.

Alcuni dati

I processi partecipativi in Emilia-Romagna sono stati oltre 260 dal 1998 al 2011. I dati sono monitorati dall’Osservatorio regionale sulla partecipazione, progetto unico nel panorama italiano e promosso dalla Giunta regionale.

L’indagine sui processi partecipativi, svolti dal 2009 al 2011, evidenzia anche che il 55% delle esperienze scaturisce su base volontaria, cioè su impulso degli stessi Enti locali promotori che hanno raccolto e dato vita ad una esigenza diffusa di coinvolgimento dal basso alle politiche pubbliche, mentre soltanto il 10% dei processi partecipativi si svolge in quanto previsto da norme di legge.

Quanto alla tipologia dei progetti oggetto della partecipazione, nel 30% dei casi si tratta di progetti di riqualificazione e progettazione/pianificazione urbana; uguale frequenza hanno le esperienze in ambito sociale (programmazione del welfare, educazione e promozione della cittadinanza attiva) mentre il 20% dei casi riguarda le tematiche ambientali; per quanto riguarda gli altri progetti, si tratta di esperienze di bilanci partecipati, infrastrutture tecnologiche o e-government.

È possibile scaricare la DELIBERA di GIUNTA che, tra le altre cose, contine i CRITERI TECNICI PER L’EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI AGLI ENTI LOCALI cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to Partecipazione, la Giunta regionale approva il programma regionale

  • BRUNO

    “Si tratta di un metodo di lavoro ispirato alle migliori esperienze europee: – sottolinea Simonetta Saliera, Vicepresidente della Regione Emilia-Romagna – meglio discutere chiaramente e diffusamente, prima di iniziare la realizzazione di un’opera o un cambiamento nell’organizzazione di una realtà, piuttosto che trovarsi poi a fronteggiare problemi e malumori successivi. L’esperienza di questi anni, ispirata alla filosofia del dialogo, fa ben sperare”.

    MAGARI FOSSE COSI’ SEMPLICE

    Peccato che a fare le scelte il più delle volte siano gli uffici tecnici comunali, i quali sono troppo permalosi del loro potere, che con te semplice ed “ignorante” cittadino (a meno che tu non sia iscritto ad un albo tecnico) non si degnano di mettere in discussione le loro decisioni tecniche, e si offendono se gli proponi di confrontarsi con un altro parere tecnico da loro non autorizzato.
    Il tutto a fronte di un apparato politico che pur capendo le tue esigenze, si trova impotente e senza mezzi e si adagia supinamente al loro parere.
    Ciao

    • Caro Bruno,
      proprio perché quella che tu descrivi è la realtà, la legge e i relativi atti si propongono di dare attuazione ai principi di partecipazione, chiamando e incentivando (in questo caso ci sono a disposizione 200mila euro) le Amministrazioni pubbliche ad individuare percorsi che non siano lasciati alle disponibilità dei singoli, ma che coinvolgano l’Ente e l’intera comunità locale.
      Un cordiale saluto,
      Damiano Zoffoli

  • Gli aggiornamenti, tutta la modulistica e la guida alla presentazione dei progetti, predisposta dalla Regione, possono essere scaricati a questo link:
    http://partecipazione.regione.emilia-romagna.it/tecnico-di-garanzia/legge-regionale-n.-3-2010/bando-2012