Più sicurezza sulle strade

Presentata un’interrogazione circa le azioni da porre in essere, anche dal punto di vista normativo, per contrastare la guida di veicoli da parte di soggetti in stato di alterazione da droga e alcol e ridurre il numero dei conseguenti incidenti

Davanti alla “incompletezza, inattendibilità e intempestività” dei dati Istat sugli incidenti stradali, la Regione dovrebbe progettare “un nuovo sistema di rilevazione della sinistrosità e una migliore e più aggiornata banca dati”: a chiederlo, in una interrogazione alla Giunta regionale, sono i Consiglieri Damiano Zoffoli (Pd), Presidente della Commissione Territorio Ambiente Mobilità e Marco Lombardi (Pdl), Presidente della Commissione Bilancio Affari generali ed istituzionali.

Zoffoli e Lombardi citano alcuni esempi, emersi anche durante il convegno “Guidare a fari spenti nella notte” patrocinato lo scorso mese dall’Assemblea Legislativa: il caso più clamoroso è quello del giovane fiorentino Lorenzo Guarnieri, a cui i genitori hanno intitolato l’Associazione che ha raccolto oltre 60.000 firme per l’introduzione del reato di omicidio stradale, che secondo l’Istituto di statistica sarebbe uscito incolume dall’incidente che gli è costato la vita, ma i due Consiglieri rimarcano anche come, secondo l’ASAPS, solo nella Provincia di Forlì-Cesena manchino almeno 5 vittime della strada nei dati del 2011. Per questo i due Presidenti di Commissione fanno appello per un archivio che aiuti la prevenzione registrando “le cause dell’incidente, la dinamica degli impatti e delle lesioni, le modalità e l’efficacia dei soccorsi tecnico-sanitari”.

Ma per diminuire il numero degli incidenti servono anche “efficaci e puntuali interventi repressivi”, avvertono Lombardi e Zoffoli ricordando come nel 2009 i sinistri alla guida siano costati alla Regione “2.664.840.168 euro di costi sociali, pari a 1,9 punti di Pil, e 399.766.097 euro di costi sanitari”: alla Giunta i due Presidenti chiedono quindi “iniziative da intraprendere al fine di migliorare la sicurezza stradale” e “risorse da mettere a disposizione per questo obiettivo”, insieme a un impegno per “una riforma del Codice della strada che inasprisca le pene per chi guida in stato di alterazione da alcol o droga”.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Più sicurezza sulle strade

  • Pierluigi

    Ottima proposta.
    Per chi guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di droghe bisognerebbe che la Legge prevedesse pene molto severe.