Terremoto, cosa stiamo facendo per aiutare le persone colpite dal sisma

Stanziati subito 2 milioni di euro ricavati da tagli e risparmi: “un impegno doveroso per chi soffre”

È trascorsa una settimana dalla prima, devastante scossa di terremoto che ha mietuto vittime in Emilia-Romagna, che ha costretto migliaia di persone a sfollare dalle proprie case, che ha messo in seria difficoltà Enti locali ed imprese, ferendo il patrimonio storico, architettonico, religioso, artistico e culturale della nostra Regione.

La macchina della Protezione Civile, degli aiuti, dell’impegno istituzionale su tutti i fronti necessari, si è immediatamente mossa e continua a lavorare a pieno ritmo, per far fronte alla gestione dell’emergenza,da una parte, e al monitoraggio e censimento degli edifici, dall’altra; e continuerà ad operare sino a quando la situazione non si sarà normalizzata e non potremo finalmente dire che i nostri territori si sono definitivamente rialzati dal colpo subito.

La terra trema ancora, proprio in queste ore; molti cittadini ci chiedono di informarli sugli impegni presi dalla Regione Emilia-Romagna, sulle iniziative di solidarietà, sui riferimenti dei conti correnti presso i quali manifestare la propria vicinanza a chi è stato interessato in modo più pesante da questo terribile evento. Lo facciamo volentieri.

L’Ufficio di Presidenza dell’Assemblea Legislativa regionale, nella prima seduta utile, ha subito deciso, all’unanimità, di destinare 2 milioni di euro all’emergenza terremoto e alle popolazioni colpite dal sisma. Si tratta di fondi derivanti dall’attività di riduzione dei costi di funzionamento, dai tagli alle indennità dei Consiglieri, dalla riorganizzazione e razionalizzazione della spesa.

“Queste risorse – ha dichiarato il Presidente dell’Assemblea Legislativa, Matteo Richetti – rappresentano uno sforzo doveroso e significativo; poterlo fare rappresenta un merito che è di tutta l’Assemblea, dell’Ufficio di Presidenza, dei Gruppi e dei Consiglieri per la riduzione della spesa, e i tagli ai costi, che abbiamo portato avanti dall’inizio della legislatura. E oggi siamo in grado di contribuire ad alleviare la sofferenza di chi è stato colpito dal terremoto con uno stanziamento immediato”.

Il Consiglio regionale, convocato in data 23 maggio, sempre all’unanimità, ha poi approvato una risoluzione che impegna la Giunta regionale “a proseguire l’impegno affinché i cittadini coinvolti possano rientrare presto nelle proprie abitazioni” e a sensibilizzare il Governo affinché, oltre alla dichiarazione dello stato d’emergenza per le zone terremotate, vengano presi a livello fiscale e finanziario tutti i provvedimenti necessari (quali la sospensione dell’Imu e di tutti i pagamenti fiscali e contributivi per i cittadini e le imprese; la possibilità per i Comuni e le Province di derogare al patto di stabilità; la promozione di ammortizzatori in deroga per aiutare i lavoratori), senza ricorrere all’accisa regionale di 5 centesimi sui carburanti.

La Regione Emilia-Romagna ha anche attivato una raccolta fondi, attraverso un apposito conto corrente, rivolta a quanti – privati ed Enti pubblici – desiderano versare un contributo per far fronte ai costi del terremoto, aiutare le persone più in difficoltà.

Per i privati le possibilità sono le seguenti:
1. versamento sul c/c postale n. 367409 intestato a: Regione Emilia-Romagna – Presidente della Giunta Regionale – Viale Aldo Moro, 52 – 40127 Bologna;
2. bonifico bancario alla Unicredit Banca Spa Agenzia Bologna Indipendenza – Bologna, IBAN coordinate bancarie internazionali: IT – 42 – I – 02008 – 02450 – 000003010203;
3. versamento diretto presso tutte le Agenzie Unicredit Banca Spa sul conto di Tesoreria 1 abbinato al codice filiale 3182.

Per gli Enti pubblici, è invece previsto l’accreditamento sulla contabilità speciale n. 30864 accesa presso la Banca d’Italia – Sezione Tesoreria di Bologna.

In tutti i casi (privati ed Enti pubblici) il versamento dovrà essere accompagnato dalla causale: Contributo per il terremoto 2012 in Emilia-Romagna.

Il Partito Democratico ha aperto un secondo conto corrente nel quale gli eletti in Regione, ma non solo, verseranno parte dei loro emolumenti. A questo proposito noi Consiglieri regionali abbiamo già raccolto, come primo impegno a titolo personale, la cifra di 30 mila euro: un segnale di vicinanza a persone e territori che in questo momento hanno bisogno dell’impegno di noi tutti.

Nelle prossime ore continueremo ad attivarci – personalmente, politicamente e in quanto rappresentanti delle Istituzioni – affinché alle persone colpite dal sisma giungano tutti gli aiuti di cui hanno bisogno.

Ringraziamo tutti i cittadini che in questi giorni ci hanno scritto, ci hanno informato di iniziative di solidarietà in corso e ci hanno riferito del loro impegno per portare sollievo a chi è stato ferito dal sisma.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

4 comments to Terremoto, cosa stiamo facendo per aiutare le persone colpite dal sisma

  • Fringui

    Damiano, puoi spiegare perchè il Partito democratico (ma era in buona compagnia) non ha ritenuto di condividere la proposta del Movimento 5 Stelle di devolvere la rata 2011 dei rimborsi elettorali regionali che spettano ai partiti entrati nel Consiglio dell’Emilia Romagna, in favore delle popolazioni terremotate? Su questo argomento ho letto solo la versione di Favia.
    Sono fondi di cui non se ne può fare a meno, o almeno ad una parte si può rinunciare, considerando che il contributo è di molto superiore a quanto effettivamente i partiti spendono in campagna elettorale?

  • Carissima Fringui,
    devo innanzitutto dirti, per maggiore precisione rispetto a quanto scrivi, e per completezza di informazione, che il testo della risoluzione, proposta dal Consigliere Favia, recitava testualmente: “L’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna invita tutti i Gruppi Assembleari a sollecitare le rispettive Segreterie politiche a devolvere in favore delle popolazioni colpite dal sisma l’importo relativo ai rimborsi elettorali dell’anno 2012”.
    Un gesto, quindi, che non riguardava direttamente il Movimento Cinque Stelle.
    Il Parlamento, riunitosi qualche giorno dopo, ha effettivamente dato seguito alla proposta di destinare i risparmi 2012-2013 derivanti dal dimezzamento dei rimborsi elettorali (160 milioni di euro circa) ai territori colpiti dal terremoto; proposta che non era del Consigliere Favia, bensì del mio amico Matteo Renzi che, martedì scorso, l’aveva lanciata intervenendo a Ballarò, dopo averla “raccolta”, come lui stesso ha detto, dal tam-tam del web.
    Il Segretario Bonaccini, intervenendo in Aula, ha giudicato “strumentale” la richiesta di Favia dal momento che il livello regionale non incide sulle scelte delle Segreterie nazionali dei partiti, ma aggiungendo che invece che dire ad altri cosa e come fare, si poteva, fin da subito, agire su quanto è nelle nostre disponibilità, personali e in quanto Amministratori regionali.
    Del resto questo era il senso della risoluzione concordata e della scelta, fatta assieme da tutti i Capigruppo, di destinare da subito i 2 milioni di euro, frutto del risparmio sulle spese di funzionamento dell’Assemblea Legislativa, alle persone colpite dal terremoto.
    Devo poi aggiungere, a livello di prassi e di “correttezza istituzionale”, che non è piaciuto il fatto che, dopo aver concordato tutti assieme il testo di una risoluzione da presentare in Aula, si arriva qualche minuto dopo (e appena prima del tempo disponibile per farlo), con un altro testo, aggiuntivo.
    Purtroppo, come ben sappiamo, la situazione, rispetto a quando scrivevo il post qui sopra, è molto peggiorata.
    E, più che le polemiche, oggi serve, da parte di tutti, solidarietà, il massimo dell’impegno concreto e una rigorosa trasparenza nella gestione delle risorse.
    Un caro saluto,
    Damiano Zoffoli

  • Fringui

    Grazie Damiano per la precisazione che ha chiarito meglio i risvolti di questa faccenda.

    Tu giustamente sottolinei che «era un gesto che non interessava direttamente il Movimento 5 Stelle», che infatti fin subito ha rinunciato ai rimborsi elettorali, dimostrando che si può fare polita – conquistando città importanti come Parma – anche senza finanziamenti pubblici.

    Sono un po’ sorpresa dall’affermazione del segretario Bonaccini, che rivolgendosi a Favia ha affermato «….invece che dire ad altri cosa e come fare …», come tu riporti.
    A certi politici evidentemente fa comodo dimenticare che nel lontano ’93, con un referendum, il popolo italiano ha detto chiaramente ai partiti cosa e come fare sui finanziamenti a loro destinati. I rimborsi elettorali, infatti, sono prelevati dalle tasse degli italiani contro la loro volontà e avere la franchezza di riconoscerlo, quando si affronta questo argomento, sarebbe utile.

    • Manuela Rontini

      Ciao Fringui!
      Hai ragione: il popolo italiano, nel lontano ’93 disse no ai rimborsi elettorali.
      Anche se poi sappiamo come è andata a finire…
      Adesso, seppur con grande ritardo e in maniera parziale, i partiti hanno dato qualche segnale (e il fatto che non vi abbiano rinunciato prima è stata parte della fortuna, in termini elettorali, del Movimento 5 Stelle).
      Però non capisco che senso abbia, anche in questa situazione, ritirarlo fuori.
      Sempre che lo scopo non sia solo quello di fare polemica.
      Penso invece che ognuno di noi, a seconda delle nostre diverse sensibilità e possibilità, debba provare a dare e a fare qualcosa per aiutare le persone colpite dal terremoto.
      Ancora meglio se in silenzio, o comunque senza tanta pubblicità, come Qualcuno ci ha insegnato.
      A presto, ciao,
      Manu