Nidi e servizi educativi per la prima infanzia, al via la riforma in Regione

Meno paletti e burocrazia, sarà più semplice aprire spazi bimbi all’interno delle case

La Regione ha avviato (attraverso un gruppo tecnico di lavoro partecipato sia dai gestori pubblici, che da quelli privati, e con un tavolo di confronto con i sindacati) la riforma dei servizi educativi per la prima infanzia (0-3 anni), con l’obiettivo di semplificare il sistema e mantenere, allo stesso tempo, la qualità e la sostenibilità finanziaria.

I nidi e i servizi per la prima infanzia dell’Emilia-Romagna rappresentano, infatti, una ricchezza per l’intera società regionale.

Ed è proprio da questa consapevolezza, e dall’esigenza di far corrispondere le norme alla realtà che essa ha contribuito a creare, che nasce l’esigenza di aggiornare la Legge regionale n. 1 del 2000 “Norme in materia di servizi educativi per la prima infanzia” poiché da allora sono cambiate le condizioni sociali ed economiche dell’intero Paese e della nostra Regione.

La riforma avverrà in più fasi: prima l’approvazione del progetto di legge di modifica della LR 1/2003, per aggiornare le norme attualmente previste; poi la modifica della Direttiva attuativa 646/2005 (“Direttiva sui requisiti strutturali ed organizzativi dei servizi educativi per la prima infanzia e relative norme procedurali”) a queste nuove condizioni ed esigenze; infine l’approvazione delle Linee guida (sperimentali) sulla qualità. Il tutto nell’ottica della sburocratizzazione e semplificazione, sia a livello normativo che a livello amministrativo.

I nidi d’infanzia sono i servizi educativi più complessi e più richiesti dalle famiglie, ma sul nostro territorio si sono sviluppati anche altri servizi, che è necessario tenere in rete con i nidi, nonché iniziative autonome delle famiglie che, se lo desiderano, devono potere interagire con il sistema integrato dei servizi educativi.

Rimane comunque un’esigenza da soddisfare consentire sperimentazioni innovative, nell’ottica dell’ampliamento dell’offerta e della massima flessibilità.

Le modifiche riguardano prima di tutto i requisiti strutturali dei nidi, ovvero come sono organizzati gli spazi interni ed esterni: i parametri strutturali vengono unificati e vengono semplificate alcune dotazioni igienico-sanitarie. Ad esempio, adesso è previsto che in ogni nido sia presente anche un bagno per il cuoco. Ma nei nidi non si fa più da mangiare, dunque non serve più. Allo stesso modo, la nuova normativa della Regione ridimensiona la cucina alle effettive esigenze di tutela dei bambini. Per i nidi viene anche eliminata l’indicazione attuale di 30 mq a bambino di superficie esterna, armonizzando lo standard sui 10 mq/b, già previsto in ambito urbano.

I servizi domiciliari, dedicati a gruppi al massimo di sette bambini, che nella legge regionale n. 1 erano considerati sperimentali, sono oggi una realtà diffusa e consolidata, che è opportuno far transitare tra i servizi “ordinari”: d’ora in avanti saranno chiamati “piccoli gruppi educativi”, e il solo requisito strutturale richiesto sarà quello della “civile abitazione”. In altri termini, non è più necessario che ci sia un bagno attrezzato per i più piccoli: in un micro-nido ospitato in casa sono sufficienti due normali servizi igienici.

Per quanto riguarda l’autorizzazione al funzionamento, si pensa di allungare da cinque a sette anni la durata del permesso e di snellire le procedure, riducendo le due Commissioni che devono valutare e concedere l’autorizzazione a un solo organismo tecnico distrettuale.

Dal punto di vista organizzativo e pedagogico, invece, viene confermata la presenza di un coordinatore pedagogico in ogni struttura (anche nei nidi domiciliari) e la richiesta agli educatori di avere i titoli di studio attualmente previsti (laurea o diploma di scuola superiore attinente all’educazione dei bambini).

Nella riforma dei nidi viene mantenuto inalterato il rapporto numerico educatore-bambino, anche se “nell’organizzazione quotidiana ci si può comunque basare sull’effettiva presenza dei bambini, sulle esigenze legate all’età e al loro grado di autonomia”.

È possibile scaricare il testo del PROGETTO di LEGGE cliccando qui.

È possibile scaricare le slides sulle PROPOSTE di MODIFICA della DIRETTIVA cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Nidi e servizi educativi per la prima infanzia, al via la riforma in Regione

  • Mauro

    Era ora di modificare una riforma che se valida alla sua approvazione oggi rende il servizio economicamente insostenibile da parte dei Comuni.
    Nel comune di Gambettola per fare un esempio il costo del nido (47 bambini) costa al bilancio comunale come per i restanti 1300 bambini e ragazzi delle Materne, Elementari e Medie come dicevo insostenibile.
    Se ho ben capito la modifica dovrebbe riguardare principalmente la semplificazione burocratica per nuove esperienze anche in case private e mi trovo concorde.
    La cosa che ti segnalo Damiano è l’attenzione che la modifica della legge riporti la possibilità di contare i bambini effettivi nel rapporto educatori-bambini (ad esempio tenendo conto della media del biennio precedente, naturalmente per nidi in essere) perchè oggi abbiamo educatori ed inservienti che vengono conteggiati per il numero delle iscrizioni ma poi di fatto i bambini presenti sono mediamente di 1/3 in meno e questo incide tantissimo sul costo del servizio sia per il Comune e naturalmente anche sul costo della retta dei genitori.
    Grazie, mauro

    • caro Mauro,
      è proprio come dici.
      in particolare, in merito alla “possibilità di contare i bambini effettivi nel rapporto educatori-bambini”, come puoi vedere a pagina 8 delle slides, entra nella proposta di modifica della direttiva 646 un riferimento esplicito alle effettive presenze dei bambini:
      «Ai fini della preventiva definizione dell’organico assegnato al servizio, per l’avvio dell’anno educativo, il rapporto numerico si intende riferito ai bambini iscritti; nel corso dell’anno educativo il rapporto numerico educatore/bambini può essere parametrato all’effettiva presenza dei bambini, alle esigenze legate all’età e al loro grado di autonomia».
      un caro saluto e a presto,
      Damiano