Bando “Ecofeste Emilia-Romagna” per Comuni, Onlus e Proloco

Per trasformare gli eventi in “ecofeste” sostenibili, promuovendo la riduzione dei rifiuti prodotti e il potenziamento della raccolta differenziata

Fare festa e stare a tavola in allegria, senza fare “la festa” all’ambiente. Troppo spesso, in occasione di feste, sagre o manifestazioni, l’attenzione all’ambiente non rientra tra le prime preoccupazioni degli organizzatori.

Eppure è proprio in questi eventi pubblici che dare l’esempio diventa importante, dalla scelta dei cibi alle stoviglie, dallo smaltimento dei rifiuti fino al tipo di detersivi usati. Perché, come sempre, un esempio vale più di mille parole.

Per questo la Regione Emilia-Romagna ha messo a bando 300mila euro di contributi per la realizzazione di “Ecofeste Emilia-Romagna”. Per fregiarsi di questo logo, e accedere ai finanziamenti, i partecipanti al bando (in scadenza il 15 giugno) dovranno organizzare una festa o manifestazione con preparazione di cibi tra il 15 giugno e il 30 ottobre 2012. Con dei paletti ben precisi, però.

Che si tratti di manifestazioni culturali o ricreative, la preferenza andrà alla tutela del territorio e alla valorizzazione dell’ambiente, mentre l’intera organizzazione (dall’accoglienza alla cucina) dovrà rispettare buone pratiche di riduzione dei rifiuti e dell’impatto ambientale. Dovrà essere designato un responsabile per la gestione dei rifiuti in grado di coordinare tutti gli operatori; tutti gli scarti dovranno essere differenziati, secondo le modalità del Comune in cui si tiene la festa, e gli oli di frittura recuperati; all’interno della manifestazione tutti i partecipanti dovranno essere informati sulle buone pratiche di gestione dei rifiuti. Inoltre, dietro le quinte, si dovrà prestare particolare al carico e ai detersivi della lavastoglie, all’utilizzo di stoviglie e posate riutilizzabili e caraffe con vuoto a rendere, al risparmio di acqua ed energia, oltre alla promozione di prodotti da agricoltura biologica.

Si tratta di una novità assoluta per la nostra Regione – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione Ambiente – resa possibile dal Piano di Azione Ambientale 2011-2013. Anche nei momenti di festa, tra i cittadini deve passare il principio che non è più tempo di “usa e getta”. La riduzione dei rifiuti e l’attenzione per l’ambiente non devono essere vissuti come un peso o una ulteriore incombenza, ma come un’opportunità di ripensare le nostre vecchie abitudini. Uno stile di vita sostenibile e rispettoso delle risorse non fa solo bene all’ambiente, ma all’intera società”.

Al bando “Ecofeste” potranno partecipare gli Enti pubblici e le Associazioni di promozione sociale iscritte negli appositi registri (sono esclusi quindi i partiti politici, i sindacati e le associazioni di categoria). I contributi non potranno superare il 75 per cento dei costi di organizzazione messi a preventivo per trasformare l’evento in ecofesta e, in ogni caso, i 10mila euro.

È possibile scaricare il testo del BANDO e la MODULISTICA cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to Bando “Ecofeste Emilia-Romagna” per Comuni, Onlus e Proloco

  • Mario

    Quindi verrà utilizzato denaro pubblico per premiare le realtà che avessero la compiacenza di fare la raccolta differenziata?…
    Non si faceva prima a stabilire che la raccolta differenziata va fatta?! (mi sembra quasi assurdo dirlo..)
    E poi una curiosità: come mai sono stabiliti molti più punti per chi utilizza materiali riciclabili rispetto alle iniziative di riduzione dei rifiuti? La legge da priorità alla riduzione!…
    E in ogni caso anche su questo, per quanto mi riguarda, vale il principio che la P.A. potrebbe stabilire che occorre implementare comportamente ecologicamente corretti (che poi sono corretti anche economicamente) disincentivando le pratiche inquinanti (vietandole o rendendole onerose) piuttosto che usare il denaro pubblico per premiare chi fa qualcosina. Con un’iniziativa di questo genere non è che rischiamo di dare denaro a chi compra piattini di carta?…

    • Gentile Mario,
      sono d’accordo con te sul fatto che la vera sfida sia la riduzione dei rifiuti.
      Questo bando, non a caso, una volta posta la raccolta differenziata come requisito obbligatorio, vedrà competere le diverse realtà proprio sul fronte della riduzione (come riportato nell’allegato A che ho linkato a fondo articolo). Azioni di riduzione che potranno valere fino a 20 punti per chi sceglierà di fare a meno del tutto di piatti e stoviglie usa e getta in favore di quelle tradizionali, oltre ad utilizzare caraffe di vetro, destinare gli avanzi di cibo ad associazioni di solidarietà o animaliste e, ultimo ma non ultimo, ridurre gli imballaggi di qualsiasi tipo. Non si tratta affatto, dunque, di premiare “chi compra piattini di carta” bensì proprio il contrario.
      Non bisogna perdere di vista, poi, l’idea che sta alla base di queste “eco feste”, ovvero l’esigenza di comunicare al più ampio pubblico possibile la necessità, ormai inderogabile, dell’abbandono di stili di vita improntati all’usa e getta.
      Per chi già pratica queste cose potrà sembrare un’affermazione banale, persino ovvia. Ma sono in tanti, tantissimi, a non essersi nemmeno posti il problema, più di quanto gli addetti ai lavori e gli appassionati di queste tematiche possano immaginare.
      Se il tipico partecipante ad una festa o sagra si ritroverà in mano, da quest’anno, piatti e stoviglie tradizionali, e sul tavolo una bella caraffa di vetro, sarà spinto quanto meno a farsi delle domande. Se poi, leggendo il materiale informativo della Regione presente alla sagra, sarà spinto a sua volta a impegnarsi contro l’usa e getta, allora avremmo raggiunto il nostro obiettivo.
      Non tutti si faranno delle domande. Non tutti leggeranno i depliant. Ma vogliamo cominciare a seminare buone pratiche là dove, come nelle feste o nelle sagre, si concentrano grandi quantità di persone che non si sono mai poste il problema. Affinché, al più presto, possiamo smettere di chiamare “buone pratiche” quelle che dovrebbero semplicemente essere patrimonio comune dell’agire quotidiano.
      Un caro saluto e buona giornata,
      Damiano Zoffoli

  • Aggiornamento:
    con delibera di Giunta regionale n. 743 del 6 giugno 2012, recante “DISPOSIZIONI INTEGRATIVE ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGIONALE N. 547 DEL 2 MAGGIO 2012” è stato modificare ed integrato, il bando “Ecofeste Emilia-Romagna, sostituendo l’art. 2 con il seguente:
    “art. 2 – Beneficiari. Possono partecipare al bando i Comuni ed altri enti pubblici nel ruolo di coordinatori delle feste presenti nel loro territorio, nonché le organizzazioni di volontariato, purché iscritte negli specifici registri di cui alla L.R. n.12 del 21/02/2005 e le Associazioni di promozione sociale iscritte nei registri di cui all’art 4 e segg. della L.R. n.34 del 9 dicembre 2002”.