BENIGNO ZACCAGNINI – “Occorre custodire intimamente un’anima rivoluzionaria, operando però nel concreto, con metodo”

Sono passati 100 anni, da quando, il 17 aprile 1912, nasceva a Faenza Benigno Zaccagnini.

Il suo esempio e la sua testimonianza sono il motivo dell’impegno in politica, di tanti di noi.

Chi lo ha conosciuto può affermare con certezza che Zaccagnini non ha mai cercato il potere (e forse ne aveva perfino paura), ma era stata la politica a cercarlo, quasi ad inseguirlo. Gli si era imposta come un dovere.

“Tu sei Zaccagnini?” gli chiese un giorno Papa Giovanni XXIII. Non ebbe il tempo di rispondere e si sentì subito aggiungere: “Ho sentito parlare molto di te. Capisco perché: la tua faccia è come la tua anima”.

Il suo volto, in effetti, conteneva ed esprimeva il suo grande carisma: noi giovani vi leggevamo l’autenticità della persona, la verità e l’unità del suo dire con il suo pensare e il suo essere. Un volto che, ancora oggi, quando guardo la foto che ho nel mio ufficio, mi trasmette, al contempo, un sentimento di inquietudine e di grande consolazione. Un richiamo alla nostra radice più profonda di uomini pellegrini in cammino.

Benigno Zaccagnini era un uomo mite, con lo sguardo lontano, capace di ascolto, quasi timido nell’esporre pensieri fermi e forti. Una personalità robusta fatta di salde certezze, ma anche di necessari dubbi; cristiano impegnato in politica “a causa della fede, ma non in nome della fede”, come amava ripetere, ha interpretato una laicità coraggiosa, nutrita di profonda spiritualità cristiana, mai però esibita, che rifiuta ogni forma di laicismo e di integralismo.

Io penso – diceva Zaccagnini – che la democrazia sia un sistema che parte dal presupposto che nessuno ha la verità. La vita democratica, invece, vive nel confronto: cioè nella capacità di mantenere sui vari problemi, dai temi politici generali agli argomenti concreti che interessano la vita di un Paese, un atteggiamento di modestia e di umiltà, riconoscendo che nessuno può essere depositario assoluto della verità”.

Affermando con ciò, al contempo, il limite della politica e la politica del limite.

“Non basta cambiare le strutture – amava ripetere – se prima non cambia l’uomo, se prima non matura in lui quella partecipazione solidaristica che è il principale punto di riferimento e di difesa soprattutto del più debole”.

È il concetto della centralità della persona umana, che ispirava costantemente le sue riflessioni politiche.

L’economia – ripeteva – deve restare nella nostra concezione uno strumento, non un fine, ed uno strumento di sviluppo dell’uomo e di sviluppo sociale”.

“Sappiamo tutti – scriveva Zaccagnini nel 1975, in “Una Proposta al Paese” – la durezza dei tempi, delle misure attraverso le quali occorre passare per tentare di restituire slancio e respiro alla nostra economia, per garantire l’occupazione e crearne di nuova, ma vorrei che almeno questo si sentisse: che il dramma dei lavoratori è anche il nostro dramma, che le loro sofferenze sono anche le nostre, perché questa comprensione, questa solidarietà costituiscono la prima condizione per poter studiare, operare, impostare soluzioni concrete ed efficaci”.

È una lezione ancora valida oggi, sia per capire le ragioni della grave crisi che stiamo attraversando, sia per trovare la strada per uscirne insieme.

Zaccagnini è stato capace di ascoltare i giovani e di renderli protagonisti; gli ha dato fiducia; li ha convinti a rifiutare la predicazione dei cattivi maestri e la tentazione della ribellione armata, e a battersi invece con le armi della democrazia.

Pensando ai molti problemi di quegli anni, caratterizzati da una massiccia disoccupazione e dalla difficoltà ad inserire i giovani nel mondo del lavoro, insisteva su un punto: “Sarebbe grave non cogliere l’avvertimento compreso nel rifiuto giovanile di una società basata sull’interesse, sul consumismo, sull’arroganza e sulla prevaricazione. I giovani ci hanno insegnato che c’è qualcosa che vale molto di più, ci hanno detto che si può anche rifiutare il benessere quando significhi ingiustizia e mortificazione dei valori”.

E concludeva con una riflessione che resta, anch’essa, di straordinaria attualità: “Ecco perché adesso dico ai giovani che non ci aspettiamo, che non vogliamo che essi siano calmi e tranquilli, ma che continuino a pungolarci, a tenerci svegli, a richiamarci agli ideali che contano, alla dignità, alla vita dell’uomo in spirito e verità”. Poiché una vera rinascita morale e culturale della democrazia non può esserci senza l’irrompere, nella vita del Paese, di una nuova ondata, di una generazione pronta ad assumersi le proprie responsabilità.

Zac che, “ribelle per amore”, era stato protagonista della Resistenza, proponeva quello che io ritengo l’unico riformismo possibile: la rivoluzione del quotidiano.

Fu dalla stanza del figlio Luca, gravemente malato, che papà Zaccagnini nel 1968, un anno inquieto, scrisse in risposta all’altro figlio, Carlo, che si interrogava sul da farsi: “Ti dico con fermezza che, di fronte al dilemma che mi sembra tu stia vivendo, riformismo o rivoluzione, sono francamente per la prima soluzione, convinto che non vi sia altra rivoluzione vera da compiere all’infuori di quella che si attua spingendo al massimo in ogni fase storica le possibilità concrete e reali di riforma. Credo che occorra custodire in se stessi intimamente un’anima rivoluzionaria, operando però nel concreto, con metodo. Bisogna lavorare tenacemente, realisticamente, instancabilmente, senza sentirsi mai soddisfatti, guardando avanti al domani senza perdere di vista il presente”.

È la politica come “speranza per le cose possibili”.

Benigno Zaccagnini è stato, per molti, un simbolo del cambiamento e del rinnovamento della politica.

La sua limpida e sofferta testimonianza mi suggerisce un’ultima riflessione: “Se il chicco di grano caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto” (Gv 12,20).

È una frase che tiene insieme molti significati: la speranza di chi, nonostante tutto, decide di uscire a seminare; e, aggiungerei oggi, fra le macerie.

La solitudine della politica intesa non già come assunzione personale e coraggiosa di una responsabilità (che comporta sempre un certo grado di solitudine), ma come lontananza e isolamento rispetto ai cittadini.

L’idea che per portare frutto e quindi, tradotto, per continuare a svolgere un servizio alla polis, ad un certo punto bisogna “morire” per lasciare campo a nuove nascite.

Ciò che vale, infatti, per il ciclo vitale del chicco di grano che, morendo, si fa germe e quindi spiga (“la vita non è tolta, ma trasformata”), vale anche per il ciclo politico. È il tema del ricambio generazionale.

C’è bisogno, oggi più che mai, di ritrovare il senso di una politica per la comunità, per i cittadini e per il paese.

“I tanti ricordi che ho di mio padre – come racconta sua figlia Livia – sono più legati a lui come persona che come politico. Uscire con lui per strada quando ero bambina era strano. La gente lo fermava continuamente, per dirgli qualcosa, o anche solo per il piacere di salutarlo. Erano contenti che lui li ascoltasse e non era per fare richieste, ma perché lo sentivano come un amico, un padre o un fratello che poteva capirli”.

Non dobbiamo perdere la speranza. Se, infatti, Zaccagnini fosse con noi ci direbbe, in dialetto romagnolo: “Sl’è nota us farà dé” (“se è notte si farà giorno”), come ripeteva negli anni del terrorismo, ricordando un motto della Resistenza.

Impegnarsi perché “si faccia presto giorno” è il modo migliore per ricordarlo.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to BENIGNO ZACCAGNINI – “Occorre custodire intimamente un’anima rivoluzionaria, operando però nel concreto, con metodo”

  • Paolo Zammarchi

    Grazie, caro Damiano, per le tue profonde riflessioni su Benigno Zaccagnini, nel centenario della sua nascita: hai sintetizzato in modo molto nitido ed efficace le caratteristiche di un uomo e di un cristiano che, con la sua vita dedicata all’impegno politico, ci ha lasciato un raro esempio di onestà, coerenza e spirito di servizio.
    Benigno Zaccagnini ha segnato profondamente l’esperienza politica di quelli (allora giovani) della mia generazione e resta, per tutti noi che l’abbiamo personalmente conosciuto e per quanti vorranno raccoglierne l’eredità, un autentico maestro e testimone credibile di una politica nobile e generosa di cui oggi, più che mai, si avverte il bisogno.
    Paolo Zammarchi