Restauro dei Beni culturali, gli appalti favoriscono le grandi ditte?

Oltre cinquanta aziende emiliano-romagnole sono in forte difficoltà. Presentata un’interrogazione alla Giunta regionale

“Oggi in Italia il lavoro dei restauratori è minacciato da appalti che favoriscono grandi ditte, a scapito della qualità del lavoro. Questa situazione si verifica anche in Emilia-Romagna?” Lo chiedono, in un’interrogazione rivolta alla Giunta regionale, i Consiglieri del Partito Democratico, Damiano Zoffoli e Tiziano Alessandrini.

“L’articolo 200 comma 1 del Codice degli appalti – affermano i Consiglieri regionali – prevede che i lavori di restauro di beni soggetti a tutela vengano affidati con appalto separato “da altre categorie di opere generali e speciali”. Questa previsione è volta a tutelare la qualità del lavoro del restauratore, che necessita di altissima specializzazione e puntuale formazione professionale. Le rappresentanze del settore, tuttavia, lamentano la diffusione di una modalità di gestione degli appalti in cui sono preponderanti lavori edili, che non prevedono lo scorporo dei lavori di restauro dei Beni culturali, categoria specializzata, accorpando così le lavorazioni relative al restauro di questi Beni alle categorie che riguardando i lavori edili”.

“La Regione Emilia-Romagna – proseguono Zoffoli e Alessandrini – ha espressamente sancito per legge l’adozione delle modalità previste dallo Small Bussiness Act europeo, al fine di tutelare le micro e piccole imprese regionali, garantendo anche a queste la possibilità di concorrere agli appalti pubblici, modalità che risultano opportune in un settore, come quello del restauro dei Beni tutelati, che necessita di professionalità e competenze che possono essere offerte solo da piccole e piccolissime imprese di professionisti”.

“Con l’interrogazione presentata in Assemblea Legislativa – concludono Zoffoli e Alessandrini – chiediamo alla Giunta regionale di sapere se il criterio del massimo ribasso sia stato completamente eliminato dagli appalti relativi al restauro, in favore della modalità di appalto economicamente vantaggioso. Vogliamo inoltre sapere se le modalità di affidamento degli appalti lamentate dalle Rappresentanze del settore siano riscontrate anche in Emilia-Romagna e, in caso positivo, quali provvedimenti possano essere adottati al fine di ridare al settore del restauro la necessaria autonomia rispetto ai lavori edili. Per un suo rilancio, potrebbe ad esempio essere sufficiente dare disposizioni affinché i lavori di restauro rientranti nella categoria OS2A vengano scorporati, senza possibilità di deroghe, dai grandi appalti, per poter coinvolgere direttamente le piccole imprese di restauro”.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.