Sanità, le nuove misure per l’emergenza terremoto

Esenzione dai ticket, assistenza primaria, 150 milioni alle Aziende sanitarie per il pagamento immediato dei fornitori di beni e servizi, possibilità di ampliare i posti in residenze, comunità e servizi educativi per l’infanzia, sospensione del pagamento delle sanzioni amministrative per le imprese. Questi i provvedimenti approvati ieri dalla Giunta regionale dell’Emilia-Romagna per fronteggiare l’emergenza sisma.

Le decisioni adottate prevedono che da lunedì 11 giugno siano esentate dal pagamento del ticket per visite, esami specialisti e farmaci le persone residenti nei Comuni colpiti dal terremoto e i lavoratori (e i loro familiari a carico) che hanno perso il lavoro in quanto impiegati in imprese che hanno subito danni dal terremoto. Per ottenere l’esenzione basterà esibire un documento di identità che certifichi il Comune di residenza.

Sempre a partire da lunedì 11 giugno, a tutte le persone residenti nei Comuni colpiti dal terremoto che hanno dovuto lasciare le loro abitazioni è assicurata, nelle località di provvisoria dimora, l’assistenza primaria (medicina generale, pediatria, continuità assistenziale) senza alcun onere, con possibilità di scegliere temporaneamente un medico di medicina generale o un pediatra di libera scelta nella zona dove sono sfollate. Anche per questo, le persone interessate dovranno solo esibire un documento di identità che certifichi il Comune di residenza.

È stato poi deliberato un anticipo di cassa di 150 milioni di euro alle Aziende sanitarie affinché possano provvedere, in via immediata, al pagamento dei fornitori di beni e servizi che hanno sede nei Comuni colpiti dal terremoto: a partire dalla prossima settimana le Aziende sanitarie dovranno iniziare i pagamenti, assicurando la copertura di tutto il dovuto.

Sono sospesi i termini di pagamento di sanzioni amministrative in materia igienico-sanitaria, di salute e sicurezza del lavoro per i titolari di attività produttive operanti sempre nei Comuni colpiti dal terremoto.

Infine, sulla base di necessità evidenziate dai servizi sociali e sanitari, ai Comuni dell’Emilia-Romagna è data la possibilità di autorizzare un ampliamento della disponibilità di accoglienza in residenze per anziani, disabili, persone con patologie psichiatriche adulte e minori, in comunità per minorenni e neomaggiorenni, in servizi educativi per infanzia, per accogliere persone provenienti dalle zone terremotate.

Tutti questi provvedimenti hanno validità fino al 30 settembre 2012. A quella data sarà fatta una valutazione della situazione e saranno adottati eventuali nuovi provvedimenti.

L’elenco dei Comuni dell’Emilia-Romagna danneggiati dal terremoto è contenuto in un Decreto Legge approvato il 1° giugno scorso dal Ministro dell’Economia e delle Finanze.

Informazioni potranno essere richieste – a partire da venerdì 8 giugno – al numero verde del Servizio Sanitario Regionale (800 033 033) tutti i giorni feriali dalle ore 8:30 alle ore 17:30 e il sabato dalle ore 8:30 alle ore 13,30 (chiamata gratuita sia da telefono fisso che da cellulare).

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.