Gioco d’azzardo: un fenomeno in crescita, dalle conseguenze preoccupanti

“Sono più di 800 le persone in cura nella nostra Regione. Occorre un ripensamento profondo, prima che diventi una vera emergenza sociale e sanitaria”

Si sono moltiplicati, nelle ultime settimane, gli allarmi legati alla diffusione del gioco d’azzardo in Italia.

Nonostante la generale contrazione dei consumi delle famiglie è, infatti, in continuo aumento la spesa che gli italiani riservano al gioco d’azzardo, il cui fatturato è stimato attorno agli 80 miliardi di euro all’anno (la terza “industria” del Paese, dopo Eni e Fiat).

Tale quantità è cresciuta in maniera esponenziale negli ultimi anni (14,3 miliardi di euro nel 2000), anche grazie ad un’offerta sempre più variegata (lotterie, lotto, scommesse in agenzia, gratta e vinci, slot e videopoker, giochi on-line), che copre l’intero arco della giornata, creando un continuo bombardamento che rende lo Stato il principale “biscazziere” d’Italia.

A questi numeri, che fanno dell’Italia il primo Paese nel mondo per spesa pro capite nel gioco d’azzardo (1.323 euro all’anno), andrebbe poi aggiunto l’ulteriore fatturato registrato dal gioco illegale: la Commissione Antimafia ha stimato in 50 miliardi di euro il giro d’affari delle cosche legato all’azzardo. Una miniera d’oro per la criminalità organizzata, che si annida in diversi contesti legati al gioco: dall’usura, all’estorsione, al riciclaggio.

Le cose non vanno certo meglio in Emilia-Romagna, anzi. La spesa in gioco d’azzardo registrata nella nostra Regione (la quarta in Italia) è di oltre 6,3 miliardi di euro, con una spesa pro capite di 1.442 euro all’anno.

Le dimensioni raggiunte dal fenomeno, e la facilità con cui vi si accede (è possibile giocare quasi in ogni luogo, dal supermercato al web), si accompagnano all’emergere del problema del gioco d’azzardo patologico, nella totale mancanza di politiche per la prevenzione e la cura.

Siamo infatti il Paese in Europa in cui si gioca di più e quello con una delle legislazioni più arretrate sulla materia, con un quadro normativo inadeguato ad affrontare il fenomeno, così come il modello sanzionatorio è insufficiente per contrastarne storture e devianze, in particolare sui minori.

Se, fin dagli anni ’80, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che la dipendenza da gioco d’azzardo è una malattia a tutti gli effetti, in Italia ancora non è riconosciuta come tale.

A differenza di quanto avviene, ad esempio, in Francia, Spagna, Svezia, Germania e USA, dove il recupero è sostenuto dallo Stato, l’Italia non ha ancora recepito questa indicazione: il gioco d’azzardo patologico non è inserito nei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza), e quindi non è riconosciuto come dipendenza per la quale garantire il trattamento terapeutico nelle strutture socio-sanitarie, nonostante le evidenze scientifiche ne dimostrino l’efficacia.

La pratica del gioco d’azzardo si accompagna, infatti, ad un alto rischio di perdita di controllo e di dipendenza, con impatti drammatici sulla vita del giocatore e della sua famiglia: complice la forte crisi economico-occupazionale, numerosi disoccupati e cassintegrati trascorrono il proprio tempo all’interno di questi esercizi, sperperando anche ingenti capitali; a danno non solo delle rispettive famiglie, ma della collettività tutta.

Un fenomeno ancora troppo sotterraneo e invisibile, che rovina la vita di tante persone, spesso di chi è più fragile (i dati indicano tra i giocatori un 43% di indigenti e un altro 56% di persone a reddito medio basso), promettendo (ma, ahimè, è solo una vana illusione!) una facile via d’uscita dalla precarietà e un benessere effimero.

Grandi investimenti pubblicitari, con una pubblicità pervasiva, accattivamente e ingannevole: “il gioco d’azzardo è stato abilmente travestito da gioco ludico in modo da attenuare le difese naturali dei cittadini” è la denuncia del Codacons.

Lo Stato incassa, da questi giochi, circa l’11% del fatturato, traendone un beneficio economico nell’immediato. Ma ci “guadagna” poco. Perché poi spende molto di più per curare chi con questi giochi si rovina, dal punto di vista sanitario e sociale. È un vero e proprio cortocircuito…

Nessuna delle risorse provenienti dal gioco viene destinata ad attività di prevenzione, cura e riabilitazione della dipendenza. Questo significa che le strategie di cura sono affidate alla sensibilità di questo o quel Governo regionale.

In Emilia-Romagna, nel 2010, sono state assistite 600 persone per dipendenza patologica da gioco d’azzardo, che nel 2011 sono diventate 800.

La nostra Regione sta cercando di sostenere, in tutti i modi possibili, l’azione che, in questo campo, sta portando avanti il privato sociale (organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale, …) per dare, intanto, risposta alle emergenze.

L’Assemblea Legislativa ha approvato, a giugno scorso, una risoluzione che ha stimolato maggiori controlli e attività di sostegno sul territorio regionale, per prevenire e contrastare l’esercizio e l’insediamento del fenomeno criminoso del gioco d’azzardo.

Ma tutto ciò, rischia di non bastare. È anche per questo che è allo studio un progetto di legge, di cui daremo presto conto.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.