Un patto tra i sindaci per le energie sostenibili

Dalla Regione un aiuto ai primi cittadini che non hanno ancora aderito al Patto proposto dall’Unione Europea. Contributi per chi presenterà in forma associata il Piano di azione per l’energia sostenibile

PUntitleder vivere un mondo più sostenibile, sul piano energetico e delle risorse ambientali, tutti devono fare la propria parte. Questa volta la Regione si rivolge agli enti locali e, nello specifico, ai sindaci. E’ a loro, infatti, che la Giunta regionale rivolge l’invito ad aderire al patto tra i primi cittadini e a redigere un Piano di azione per l’energia sostenibile (Paes).

Quella del “patto dei sindaci” è un’iniziativa dell’Unione europea nata nel 2008 per ridurre le emissioni di anidride carbonica in atmosfera. Ai primi cittadini aderenti al patto, l’Ue chiede di attuare politiche locali incisive in materia di energia per ridurre le emissioni di gas serra di almeno il 20 per cento entro il 2020. Una volta aderito all’accordo, i sindaci devono mettere nero su bianco un Piano di azione per l’energia sostenibile, fatto di misure concrete e progetti verificabili.

“Il rispetto dell’ambiente – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli – passa anche per uno sviluppo sostenibile del sistema energetico. Produrre energia in modo pulito e responsabile, utilizzare razionalmente le risorse, evitare un carico eccessivo sul territorio, sono tutte azioni ormai inderogabili. Tutti i livelli di governo, oltre che i cittadini, devono impegnarsi in uno sforzo comune per cambiare il paradigma consumistico degli anni passati”.

Nella nostra regione molti Comuni si sono già mossi e, ad oggi, il 17 per cento delle città emiliane e romagnole fanno parte del patto. Ma tanti mancano ancora all’appello, anche perché redigere i Paes richiede uno sforzo organizzativo e di risorse.

Per questo la Regione ha previsto dei contributi agli enti locali che, in forma associata, vogliano percorrere questa strada, ovvero Unioni di Comuni, Comunità Montane, Circondario imolese e Associazioni intercomunali territoriali.

I contributi minimi varieranno sulla base del numero di enti e di cittadini coinvolti. Per le associazioni che contano meno di 25mila abitanti il contributo regionale minimo sarà di 7mila euro, da 25mila a 40mila abitanti 10mila euro, fino a 80mila abitanti 15mila euro, oltre 80mila abitanti 20mila euro. A questi si sommano 2mila euro per le associazioni fino a 5 Comuni, 1500 euro da 6 a 10 Comuni, 1000 euro oltre 10 Comuni associati.

Le manifestazioni di interesse dovranno essere trasmesse alla Regione entro e non oltre il 1° ottobre 2012. Successivamente sarà stilata una graduatoria per l’erogazione dei contributi.

È possibile scaricare il testo della DELIBERA, e la MODULISTICA allegata alla stessa, cliccando qui.

Le SLIDE dell’ANCI Emilia-Romagna su “I comuni di fronte alla riqualificazione energetica. Azioni di stimolo e sostegno alle comunità locali” sono scaricabili qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.