Infanzia, avanza la riforma dei servizi educativi: offerta più flessibile per le famiglie

Parere favorevole della commissione scuola alla riforma dei servizi educativi. Previste 4 tipologie di servizi

Con larga maggioranza, la commissione regionale “Turismo cultura scuola formazione lavoro sport” ha espresso parere favorevole al progetto di legge d’iniziativa della Giunta, che riorganizza il sistema dei servizi educativi per la prima infanzia. In precedenza, la commissione “Politiche della salute e politiche sociali” aveva espresso parere favorevole in sede consultiva.

Il progetto di legge sarà immediatamente iscritto all’esame dell’Aula per l’approvazione definitiva.

Nella seduta odierna, la commissione ha provveduto all’esame e alla votazione dei 29 articoli, nonché di 16 emendamenti.

La nuova Legge apre la strada all’emanazione di altri due atti: una direttiva tecnica di attuazione (in materia di requisiti strutturali ed educativi), e linee guida che consentano di valutare i risultati ottenuti.

La volontà di intervenire, modificando e integrando la Legge regionale 1/2000, risponde a tre esigenze: mantenere la qualità dei servizi, garantirne la sostenibilità finanziaria, semplificare i percorsi burocratici per le autorizzazioni.

Obiettivi dichiarati: aiutare le famiglie con un’offerta più flessibile, sviluppare interventi nelle zone montane e nei piccoli centri, raccogliere i frutti delle esperienze sviluppate in questi undici anni, precisare la distinzione fra servizi educativi veri e propri e servizi ricreativi e di conciliazione.

Dalla lunga fase di confronto con gli Enti locali e con i gestori pubblici e privati, è emerso che gli strumenti di regolazione (norme regionali e regolamenti comunali) e la continuità degli investimenti degli enti locali stessi hanno consentito di raggiungere risultati importanti in termini di qualità e quantità dei servizi educativi. Ma appare necessario semplificare le procedure e introdurre elementi di flessibilità e differenziazione dell’offerta, che consentano di reggere sul fronte della sostenibilità economica, salvaguardando la qualità.

La nuova normativa prevede 4 tipologie di servizio: nidi d’infanzia, servizi domiciliari (piccoli gruppi, fino a 7 bambini), servizi integrativi, servizi sperimentali (ideati sul territorio).

Per ragioni di equità e fungibilità del personale, i titoli per l’accesso al ruolo di “educatore” saranno i medesimi per tutte le tipologie. La riforma punta, inoltre, a rafforzare il ruolo del coordinamento pedagogico provinciale (è stato approvato un emendamento al riguardo), formando i coordinatori affinché siano in grado di verificare anche la sostenibilità finanziaria dei servizi offerti alle famiglie. Quanto all’autorizzazione al funzionamento, la normativa attualmente in vigore prevede due organismi istruttori a supporto del Comune, titolare del rilascio dell’autorizzazione: la commissione tecnica provinciale e un organismo tecnico collegiale (di livello comunale o sovracomunale). Questo doppio livello verrà superato attraverso la costituzione di un’unica commissione tecnica di ambito distrettuale.

Aggiornabile con una flessibilità superiore a quella che occorre per intervenire su una legge, la Direttiva tecnica – che sarà presto oggetto di valutazione da parte della commissione “Turismo cultura scuola formazione lavoro sport” – dovrà prevedere dettagliate disposizioni sui requisiti strutturali e organizzativi, validi per soggetti pubblici e privati.

Fra gli emendamenti approvati, uno del Pd (Marani e Casadei) prevede che i Comuni possano istituire appositi albi del personale a cui attingere per chi organizza servizi ricreativi e di conciliazione (baby parking, ludoteche, baby-sitteraggio). Altri emendamenti prevedono che la Regione promuova la stipula di convenzioni fra Comuni limitrofi, in particolare in zone montane, per l’utilizzo degli asili nido e la messa in rete dei servizi per l’infanzia.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.