Matteo Renzi riunisce 1000 amministratori a Firenze, per parlare di buona politica e condividere buone pratiche locali

Appuntamento sabato 23 giugno, dalle ore 10 alle 18, al Palazzo dei Congressi di Firenze.
Io andrò, assieme a tanti amici dell’Emilia-Romagna.
Qui di seguito, uno stralcio della Enews di Matteo, con tutti i dettagli e una riflessione sull’attualità politica.
Damiano Zoffoli

“Personalmente penso che la grave crisi che stiamo vivendo non dipenda tanto da motivi economici o finanziari. Ma dalla mancanza della politica. E questa – sia chiaro – non è una riflessione italiana, legata al nostro esecutivo tecnico. È un problema innanzitutto europeo. Se il Vecchio Continente vive questa delicata stagione è sicuramente per effetto delle turbolenze internazionali ma anche perché siamo privi di una leadership europea che dia certezza anche alle istituzioni finanziarie, a partire da una radicale revisione delle regole del gioco cominciando dai poteri della Banca Centrale Europea.

Time di questa settimana paragona gli Stati Europei a una coppia di innamorati in prova che decide di convivere ma non vuole sposarsi. Arriva un momento in cui o gli Stati rompono o si creano gli Stati Uniti d’Europa. Mi sembra una lettura un po’ tranchant ma il senso è chiaro. Non salveremo l’Euro a colpi di interventi spot magari finanziati dall’ennesimo aumento delle tasse. Salveremo l’Euro solo riformando l’Europa.

Ci serve la politica, non ci sono alternative. Una politica diversa, certo, fatta non dai soliti. Ma la politica. Quando sento parlare di spending review affidata ai tecnici, ai commissari, mi scappa un sorriso. Ognuno di noi è abituato a fare la spending review, a partire da casa sua. Si chiama spending review ma si può tradurre superficialmente con “tirare la cinghia”, eliminando l’eliminabile. Ma decidere cosa tagliare e come è scelta profondamente politica. I tecnici possono chiarire i numeri, ma decidere cosa aggiungi e cosa togli è scelta politica.

Per questo ho visto di buon occhio la decisione di Bersani di indire finalmente le elezioni primarie per la scelta del candidato del centrosinistra, sottraendo dunque alla platea di parlamentari romani autoreferenziali la scelta per ridarla ai cittadini. Ancora non sono chiare le regole (anche se francamente troverei ridicolo cambiarle: i criteri che sono stati pensati nel 2005 per Prodi, nel 2007 per Veltroni, nel 2009 per Bersani dovrebbero non andare più bene oggi? E perché?) e la tempistica. Ma intanto un passo in avanti è avvenuto.

In molti mi scrivono: Matteo, ma ti candidi o no? Non credo di essere il problema e neanche la soluzione. Al momento opportuno decideremo insieme se cogliere l’opportunità delle primarie per concretizzare una proposta realmente innovativa per l’Italia. Ma più che candidarmi io è importante che ci candidiamo noi, tutti insieme. Vorrei che chi sta leggendo l’Enews non pensasse a un generico invito alla responsabilità. No, no. Tutta un’altra storia. Sto pensando a lui, a te. Se davvero proveremo a cambiare le cose in Italia avremo bisogno di tutti e di ciascuno. Avremo bisogno di te che ci stai leggendo e che non sei un numero. Che chi ha voglia di fare qualcosa si metta in gioco, costituendo un comitato, raccogliendo dieci amici, facendo il porta a porta nel proprio palazzo, lanciando idee, dando stimoli e suggerimenti, provando insieme agli altri a essere protagonista del cambiamento e non solo spettatore di un fallimento. Per questo già da adesso invito tutti coloro che avvertono il desiderio di provarci a scrivermi, a darmi idee, a manifestare una disponibilità. Se, come è possibile, ci proveremo, ci proveremo dal basso. Possiamo fare solo così sappiamo fare solo così. E non basterà dire: mandiamo a casa quelli che stanno in Parlamento da 15 anni. Lo faremo, ovvio. Ma dovremo coinvolgere e coinvolgerci. Oggi non è importante candidare uno a fare il leader: oggi è fondamentale candidare tante persone, insieme, a essere il cambiamento che stiamo aspettando. Vi aspetto in due modi diversi. Via email a matteo@matteorenzi.it. Suggerimenti, proposte, idee, disponibilità: tutto è importante per provare insieme a ridare speranza alla politica.

Oppure fisicamente, di persona. Il prossimo 23 giugno riuniremo circa mille amministratori locali (sindaci, consiglieri, assessori) a Firenze. Mentre tanti politici di professione parlano e straparlano, noi vogliamo lavorare concretamente – con tutti i nostri errori, sia chiaro – per cercare di rimettere in moto una speranza capace di sorprenderci. L’incontro durerà dalle 10 alle 18 e sarà al Palazzo dei Congressi, presso l’auditorium Sala Rossa (proprio accanto alla stazione). Nei prossimi giorni troverete tutte le informazioni su www.bigbangitalia.it”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

5 comments to Matteo Renzi riunisce 1000 amministratori a Firenze, per parlare di buona politica e condividere buone pratiche locali

  • Giandomenico Magalotti

    Tra le doti fondamentali per un politico (gli esempi possono essere quelli di Degasperi, Dossetti, La Pira, Moro, Zaccagnini per citare quelli che vengono a mente senza spingere) ci sono: la modestia -“servi inutili”-, l’ineccepibilità, la Speranza che trascende, un “essere per l’altro” che non ammette vanità o presenzialismi, un “chi vuol essere primo, sia l’ultimo”. Doti che, dopo troppi anni di berlusconismo, sono indispensabili a riossigenare le relazioni sociali e politiche.
    L’ultima necessità che abbiamo è quella di un pifferaio sedicente giovane e con alto tasso di pensiero leggero.

  • Fringui

    De Gasperi, Dossetti, La Pira, Moro, Zaccagnini sono morti e sepolti. E’ inutile guardarsi sempre indietro, dobbiamo fare i conti con i politici di oggi: per la maggior parte vecchi e mediocri, che hanno già giocato, e sprecato, la loro chance.
    Renzi potrà piacere o no, ma lo si deve giudicare sui fatti. Se poi il Pd vorrà farsi del male da solo, che faccia pure. Il Movimento 5 Stelle ringrazierà.

  • Manuela Rontini

    oggi, alla politica, servono coraggio (per cambiare drasticamente la politica e, soprattutto, il nostro Paese), idee forti e uomini liberi (dai condizionamenti di parte, dalle solite “incrostazioni”, …).
    mi pare che Matteo stia dimostrando, da Sindaco di Firenze, di avere queste qualità!
    ha avuto il coraggio (mettendoci la faccia) di fare anche scelte impopolari (penso alla pedonalizzazione) per il bene della sua comunità, è persona molto concreta (abituato a fare l’Amministratore), e con le sue proposte sta ridando entusiasmo e speranza a tanti giovani, raccontando in giro per l’Italia che l’impegno politico è una bella cosa, e vale la pena impegnarsi per migliorare la propria città.
    bravo Matteo, avanti così!

  • giandomenico magalotti

    Agli uffa!, che barba! rispondo:-Chi non ha storia, non se la può inventare! Chi non studia,si compiace di essere ignorante. L’ignoranza, del resto si sa, fa più danni della cattiveria.
    Abbiamo troppa cattiva coscienza in giro:cattiva coscienza, inprontitudine, superficialità.
    Bisognerebbe che Renzi accettasse di farsi tagliare un orecchio in caso di errore politico grave o di accertata disonestà futura .Così ci penserebbe bene quando scende dal camper. Accetterebbe?
    Largo ai giovani e anche ai giovanissimi, a queste condizioni!
    Ai vecchi che si propongono come guide sicure, proporrei la stessa pena. Aggravata dalla malafede!

  • giandomenico magalotti

    AI Degasperi, ai Dossetti, ai Lapira nessuno mai avrebbe potuto tagliare un capello…
    Studiare ragazzi, leggere, prendere buoni esempi!