Terremoto, il punto sulle prime misure a favore delle popolazioni

I bambini prima di tutto: la Regione interviene su oltre 150 scuole danneggiate

May 20,2012 04:03 AM : Earthquake in Emilia - BuonacompraUna nota per fare il punto sulle prime misure regionali e nazionali adottate per fronteggiare gli effetti del terremoto, favorire la ripresa economica e dare risposte agli sfollati e a chi ha la casa lesionata. Il vademecum è stato redatto dall’Assessore Gian Carlo Muzzarelli, a nome della Giunta, ed è scaricabile QUI.

Gli interventi, ovviamente, riguardano una molteplicità di aspetti che vanno dalla concessione di contributi al tema dell’agibilità e delle delocalizzazioni, dalla deroga al patto di stabilità e la sospensione dei termini amministrativi alle misure a sostegno dei redditi dei lavoratori, dalla promozione turistica alle disposizioni riguardanti i rifiuti e l’ambiente.

Nel frattempo si sono aggiunti interventi sul fronte scolastico, con il ripristino delle scuole danneggiate e la loro messa in sicurezza (incrementando la “capacità degli edifici di resistere al sisma” mediante opere di rafforzamento progettate ai sensi della normativa del 2008 così come da ordinanza di Vasco Errani del 16 giugno).

Saranno interessati dai primi interventi oltre 150 plessi scolastici, temporaneamente o parzialmente inagibili, con l’obiettivo di permettere un loro regolare utilizzo alla riapertura dell’anno scolastico in settembre. Altri provvedimenti saranno adottati in seguito per gli edifici gravemente danneggiati e quindi totalmente inagibili.

“Così come è importante intervenire per un pronto ripristino dell’economia, delle abitazioni e dei beni culturali – afferma il consigliere regionale Damiano Zoffoli – è altresì fondamentale garantire ai giovani e ai bambini il diritto di tornare a scuola in sicurezza sin dal prossimo anno scolastico. Il futuro di tante comunità è strettamente legato ai bambini e alle scuole, ed è per loro che dobbiamo moltiplicare le nostre energie e il nostro sostegno”.

 

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.