L’esercizio fisico come terapia

Arrivano le palestre certificate dal Servizio sanitario regionale

[108/365] Ill-advisedDopo il commercio etico e la banca etica questa volta, in Emilia-Romagna, arrivano le palestre etiche. Una definizione che potrà far sorridere, ma con la quale la Regione intende segnalare le strutture sportive che si impegnano volontariamente a rispettare un codice di valori e a lanciare messaggi positivi ai propri frequentatori.

Ogni “palestra etica” poi, se lo vorrà, potrà fare un passo ulteriore trasformandosi in “palestra sicura: prevenzione e benessere”, mettendo le proprie attrezzature e i propri esperti a disposizione dei pazienti con specifici problemi fisici, in collaborazione con i medici di base.

Il progetto regionale parte in tutta l’Emilia-Romagna dopo una sperimentazione durata due anni. Come detto ci saranno due livelli di coinvolgimento per le palestre. Nelle “palestre etiche” si potrà svolgere attività fisica finalizzata alla prevenzione e alla tutela della salute,  sviluppare azioni di contrasto all’uso improprio di farmaci, interventi di prevenzione dei rischi legati al consumo di sostanze psicoattive (alcol e sostanze stupefacenti) e delle sostanze dopanti, interventi per favorire un corretta alimentazione e limitare l’uso di integratori alimentari. Nelle “palestre sicure”, invece, sarà possibile praticare l’attività fisica prescritta come terapia dai medici del Servizio sanitario regionale, alla presenza di personale specializzato dotato di defibrillatori cardiaci da usare in caso d’emergenza.

Per ottenere la certificazione di palestra etica, occorre l’adesione a un codice etico che contiene principi generali e impegni specifici.
Per ottenere l’ulteriore riconoscimento di palestra sicura, oltre alla certificazione di palestra etica, occorre soddisfare specifici requisiti in merito al personale impiegato, alla formazione specifica di questi, ed alle dotazioni strumentali (defibrillatori).

“Con le palestre “etiche” e quelle “sicure” – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli – si verrà a creare una rete di strutture sportive, certificate dal Servizio sanitario regionale, dove svolgere attività fisica finalizzata sia alla tutela della salute che alle terapie prescritte dai medici. Un esempio di positiva collaborazione tra settore pubblico e privato, all’insegna della salute di ciascuno. Senza trascurare il messaggio positivo che l’adesione al codice etico darà ai giovani frequentatori delle palestre: se ci si vuole prendere cura del proprio corpo non ha alcun senso avvicinarsi ad alcol, doping o stupefacenti”.

Tutte le informazioni e le documentazioni per presentare la domanda di adesione sono reperibili QUI.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.