L’intervento di Matteo Renzi a “Italia Obiettivo Comune”

Ho partecipato, nei giorni scorsi, all’iniziativa “Italia Obiettivo Comune”, organizzata a Firenze dal Sindaco Matteo Renzi, per parlare di buona politica e di come cambiare l’Italia, e condividere buone pratiche locali assieme a tanti Amministratori.
Qui di seguito trovate l’intervento integrale di Matteo, di cui si parla tanto in questi giorni.
Aldilà di come la si pensi, e prima di esprimere un giudizio, ritengo che vada ascoltato.
Se avrete pazienza di farlo, poi mi interessano le vostre valutazioni. Qualunque esse siano!
Grazie e buon lavoro,
Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to L’intervento di Matteo Renzi a “Italia Obiettivo Comune”

  • Zavagli Giancarlo

    MI SEMBRA DI SOGNARE! FINALMENTE UNA PERSONA SERIA! GRILLO, BOSSI E COMPANY DIVENTANO NANI, CASO MAI NON CE NE FOSSIMO GIA’ ACCORTI DA TEMPO.

  • william

    Ho ascoltato l’intervento di Renzi e, a parte il messaggio chiaro e condivisibile di mandare a casa chi è in Parlamento da 20 anni e oltre, non ho sentito nulla su programmi, contenuti, alleanze che dovrebbero essere alla base del cambiamento proposto. Mi sembrano tutte generiche affermazioni di principio ben comunicate (chi non è d’accordo per fare gli stati uniti d’Europa o conciliare il ritmo di vita delle donne lavoratrici?) con poca sostanza. Anche sulla gestione della provincia di Firenze e del Comune non mi sembra che Renzi stia spiccando per essere elemento di novità nel panorama politico. L’altro messaggio che sta lanciando (se perdo non vado a fare numero in Parlamento) mi sembra un pessimo modo di voler cambiare la politica italiana. Mi piacerebbe essere smentito su quel monologo…

    • Caro William,
      è chiaro che nel discorso di Renzi manca una elaborazione puntuale e approfondita sui contenuti ma, mi chiedo, era proprio quello il contesto in cui esplicitarla?
      Bisognerebbe poi chiedere conto a chi è in Parlamento da oltre 20 anni cosa sarebbe il nostro Paese se avesse messo in pratica le buone idee che Matteo, come tu stesso dici, ad esempio propone sugli stati uniti d’Europa o sulla conciliazione dei ritmi di vita delle donne lavoratrici.
      Vivremmo in un Paese probabilmente molto diverso, anziché in forte declino, attanagliato dalla crisi.
      Tu lamenti di non aver sentito nulla da Renzi su “programmi, contenuti, alleanze che dovrebbero essere alla base del cambiamento proposto”.
      Ma mi sai dire, in merito, cosa hai capito di chiaro e nuovo sempre da quegli stessi che sono in Parlamento da oltre 20 anni?
      Poche idee ma confuse, mi verrebbe da dire…
      Il messaggio su quel che farà in caso di sconfitta mi sembra, invece, assolutamente coerente con le regole democrazia, troppe poche volte applicate dalla gran parte dei nostri leader che, in questi vent’anni di berlusconismo (ad eccezione del Presidente Prodi che, guarda caso è l’unico che si è ritirato), hanno sempre perso, ma sono ancora tutti là. Vuoi forse dirmi che è meglio così?
      Sul Renzi Sindaco penso invece che spetterà ai cittadini di Firenze il giudizio finale.
      Come sai non è mia abitudine “innamorarmi” della persona, e non lo faccio neanche in questo caso con Renzi che, come tutti noi, ha pregi e difetti (nel suo caso, entrambi molto evidenti!), ma è certo che il cambiamento assolutamente necessario per il bene dell’Italia non può venire dai “soliti noti”, con le stesse facce, idee, alleanze e, soprattutto, evidenti contraddizioni.
      Un carissimo saluto,
      Damiano