Bonifica, via libera in Commissione alla riforma dei Consorzi

Il relatore Damiano Zoffoli: “Ancora più chiarezza agli utenti nel loro rapporto con la bonifica e più efficienza nei servizi svolti sul territorio”.

“Per le aree urbane viene chiarito chi dovrà pagare o meno il tributo: non dovranno farlo gli immobili serviti dalla rete fognaria senza significative interconnessioni con la rete di bonifica, mentre pagheranno i proprietari di immobili che traggono un beneficio specifico e diretto dalle opere di bonifica. Per la montagna, invece, i tributi dovranno essere utilizzati per finanziare quegli interventi di manutenzione e di presidio del territorio che sono più che mai strategici in queste aree”. Sono alcune delle norme inserite nella proposta di legge “Disposizione per la bonifica”, licenziata dalla competente Commissione assembleare.

Tredici gli emendamenti approvati (presentati e illustrati dal relatore Damiano Zoffoli).

Le novità più significative riguardano gli interventi di bonifica montana: il terzo articolo del progetto di legge è stato riscritto “per rendere più chiaro il principio che se si riscuote in montagna si reinveste in montagna”. Si specifica infatti che “fatta salva la quota proporzionale relativa alla copertura delle spese generali di funzionamento”, gli introiti sono destinati “alla progettazione, esecuzione, manutenzione ed esercizio delle opere e degli interventi di bonifica dei territori montani quale beneficio di presidio idrogeologico”.

Viene poi introdotto il principio di “riscossione spontanea del contributo qualunque sia l’importo dello stesso”, con riscossione coattiva dei contributi inferiori alla soglia di economicità “solo quando la somma di più annualità raggiunge detta soglia”: norma che va incontro ai proprietari di terreni agricoli di montagna, la cui rendita catastale, su cui si basa il contributo, è generalmente molto inferiore alla soglia minima.

Con gli emendamenti si provvede poi a ribadire “l’obbligo della corresponsione del contributo di bonifica in relazione al beneficio di difesa idraulica dove presente” anche per le aree urbane, e vengono ridefinite alcune caratteristiche dei comitati dei Consorzi di bonifica: il numero di membri del comitato tecnico passa da 2 a 3, mentre per il comitato amministrativo non è più richiesta la presenza dei due terzi dei componenti come numero minimo per lo svolgimento della riunione. Viene quindi inserito l’obbligo di presenza nel comitato di “un rappresentante scelto fra i propri componenti del comitato consultivo degli utenti e dei portatori di interesse”, nonché di “un esperto espresso dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative sul territorio regionale”.

Con questo progetto, il terzo, la Regione Emilia-Romagna completa la riforma dei Consorzi di bonifica, già avviata con la L.r. 5/2009, con la quale si è provveduto a riordinare i comprensori di bonifica, riducendo il numero dei Consorzi da quindici di primo grado a otto e da due di secondo grado a uno, e proseguita con la L.r. 5/2010, con la quale si è riformato il sistema elettorale dei Consorzi stessi, con l’elezione dei nuovi organi di amministrazione.

È possibile scaricare il testo della RELAZIONE IN AULA cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

7 comments to Bonifica, via libera in Commissione alla riforma dei Consorzi

  • marco guiduzzi

    Il problema della Bonifica è basilare, se si vuole mantenere un territorio come il nostro regionale “in salute”.
    Per questo condivido nella sostanza i provvedimenti descritti.
    Mi permetto di ribadire (cose note) che la Bonifica è comunque necessaria a prescindere dagli introiti che si producono dai contributi degli utenti. Senza investimenti non dobbiamo meravigliarci dei dissesti e degli eventi (frane smottamenti, ecc.) che ogni tanto interessano il nostro territorio.
    In tempi come questi mi rendo anche conto che è difficile intervenire…

    • Caro Marco,
      ti ringrazio per queste tue osservazioni, che condivido.
      Come ho scritto nel finale della relazione, che illustrerò mercoledì in Aula, serve certamente rigore (il bisturi, non le forbici) per tagliare eventuali sprechi e duplicazioni ma, soprattutto, servono ago e filo: dobbiamo tenere assieme la comunità,
      promuovere nuove collaborazioni e relazioni fra le Istituzioni, con regole più chiare, all’insegna della trasparenza e della partecipazione dei cittadini, in un’ottica di sussidiarietà.
      Certamente si può e si deve migliorare, ma quello della bonifica è un patrimonio prezioso di risorse professionali, tecniche ed economiche che, per sua natura, opera e lavora quotidianamente, di regola senza fare rumore.
      Un caro saluto,
      Damiano Zoffoli

  • Caro Damiano,
    non conoscevo la proposta, forse per mia incuria. Ma mi corre l’obbligo di esprimere le mie preoccupazioni, che sono di tutta la montagna.
    1) non mi risulta che siano state fatte riunioni esplicative coi Sindaci della montagna, giusto per farli partecipi solo a cose fatte, o quasi.
    2) i soldi che si recuperano in montagna restano alla montagna!!! mi sembra troppo ovvio, visto che il problema idrogeologico è soprattutto in montagna; ma se non funziona in montagna, non credi che ci possano essere contraccolpi in pianura (allagamenti, ecc.)?
    3) peccato che gli abitanti e la redditività dei terreni della montagna siano sempre più scarsi, a favore delle aree di pianura che sono sicuramente più ricche di noi (anche in questi momenti di crisi). Così i fondi saranno sempre meno. Santa Sofia: 150 kmq e 4.200 abitanti = come fa a reggere e a pagarsi gli interventi? E il concetto di solidarietà dove va a finire?
    4) di quassù prendete acqua che da da bere a tutta la Romagna ed oltre: l’aliquota del 3% sul costo dell’acqua di Ridracoli stabilita dalla buonanima di Zaniboni per mantenere l’ambiente e gestita dalla Comunità Montana, dal Consorzio di Bonifica, dalla Provincia (non dal Comune!!!) è stata fatta sparire proprio dalla Regione. Ora, dopo questo danno, anche la beffa!

    Caro Damiano, vedi te… ma sono molto preoccupato.
    Di questo passo diventiamo tutti Berlusconini… ognuno il suo e pace alla solidarietà.
    Sono molto amareggiato; se questo è il centrosinistra, non vedo alcuna differenza con altre ideologie.
    Da amico ti saluto cordialmente e spero tu possa darmi delucidazioni.
    Flavio Foietta – Sindaco (ahimè) di Santa Sofia

    • Carissimo Flavio,

      in realtà questo progetto di legge è frutto di una lunga discussione, da parte dell’Assessorato regionale all’Agricoltura, ancor prima della stesura del progetto.
      Il testo base, elaborato dalla Giunta regionale, è proprio frutto di quel confronto.
      Confronto che è continuato successivamente, quanto il testo del progetto di legge è stato assegnato alla II Commissione dell’Assemblea Legislativa.
      Sul pdl, è stata anche organizzata un’apposita udienza conoscitiva, alla quale ha partecipato anche l’UNCEM, a nome di tutte le Comunità montane.
      Sarà sicuramente un’ovvietà affermare che “ciò che si riscuote in montagna, si reinveste in montagna”, ma fino ad oggi, come tu ben sai, ciò non corrispondeva alla realtà.
      Perché su una contribuenza totale montana di circa 15 milioni di euro, fino ad esso, solo 3 milioni di euro venivano effettivamente reinvestiti in montagna.
      L’articolo 3, che è stato riscritto proprio a seguito degli emendamenti che ho presentato, recependo le istanze dell’UNCEM e, di conseguenza, della montagna, è uno dei punti più qualificanti della proposta di legge che andrà in Aula mercoledì prossimo.
      Solo a titolo esplicativo ti giro, via mail, la corrispondenza che, in merito, ho avuto con il Sindaco Spignoli, Presidente della Comunità montana dell’Appennino cesenate.

      Per quel che riguarda il centrosinistra, è tutta un’altra storia!
      E il discorso è, probabilmente, ancora più complesso…
      Avrai visto che nella newsletter, tra le altre cose, ho anche linkato il video dell’intervento di Matteo Renzi all’iniziativa “Italia Obiettivo Comune” di sabato scorso, organizzata a Firenze alla presenza di 1000 Amministratori da tutta Italia.
      Mi piacerebbe avere, in merito, una tua libera e schietta valutazione, come sei solito fare.

      Un caro saluto e buon lavoro Sindaco!
      Damiano Zoffoli

  • Marco Carnaccini

    Ciao Damiano.
    In questo momento sono presente al C.d.A. del Consorzio di Bonifica della Romagna. Consorzio che tu conosci benissimo.
    Prendendo come base le indicazioni del pdl ci stanno proiettando i dati riguardanti la contribuenza, ovvero di quanto incasseremo se questo pdl va in porto così.
    Con l’eliminazione dei minimi di contribuenza si avranno dei cali nei gettiti complessivi. Quindi un Consorzio come il nostro, assai presente nell’ambito montano (e chi scrive prima di me lo può testimoniare) si troverà con meno soldi da investire e con lo stesso personale (tutti operai assunti nei Comuni Montani) da stipendiare.
    Per le zone di pianura poi le cose sono anche peggio, qui parlano di meno 3 milioni di euro di contribuenza annua.
    La cosa si può perfezionare?

  • Marco Carnaccini

    dimenticavo.
    le proposte dell’UNCEM le trovo ampiamente condivisibili nell’ottica di una più ampia collaborazione, anche in fase di programmazione delle risorse (magre) che insistono nel territori.
    insomma, fare rete è diventata una priorità indispensabile.

    • Caro Marco,
      il testo finale è frutto di un lungo lavoro e confronto, in particolare l’articolo 3 sulla montagna è stato riscritto.
      Possibili altri cambiamenti e miglioramenti sono ora demandati agli atti attuativi (regolamenti e delibere di Giunta).
      Fondamentale è il lavoro del Comitato tecnico, che dovrà procedere alla nuova mappatura del territorio, indispensabile per definire i nuovi Piani di classifica e i relativi indici.
      Un caro saluto,
      Damiano