Ausl unica romagnola: la politica sia coraggiosa

La sanità è innanzitutto un investimento, può e deve rappresentare un motore di sviluppo anche per uscire da questa crisi: 100 euro spesi in sanità ne alimentano 183 nel sistema economico.
Nel prossimo triennio si prospetta un taglio di 1,5 miliardi sui trasferimenti alla sanità regionale. Anche in questa logica l’idea dell’Asl unica romagnola è una risposta concreta.
Bisogna razionalizzare, evitare duplicazioni, unire le funzioni ospedaliere, amministrative e dirigenziali, così da liberare risorse per potenziare i presidi territoriali.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

4 comments to Ausl unica romagnola: la politica sia coraggiosa

  • Siamo davvero sicuri che una ausl unica romagnola abbia tutti questi vantaggi?
    Io dubito sempre fortemente delle politiche accentratorie, i cui risparmi monetari sono sempre osannati ma spesso rimangono sulla carta, e al contempo rischiano di smembrare un servizio capillare e renderlo non più ben fruibile dall’utenza.

    Piuttosto che una prova di coraggio, mi sembra una soluzione troppo semplice a un problema scomodo, quello della razionalizzazione delle risorse a seguito dei tagli, che semmai bisognerebbe avere il coraggio di ben distribuire lasciando le risorse il più vicino possibile ai cittadini. Una “reazione ai tagli” non va confusa con la scelta di migliori piani di investimento territoriale. Se le ausl si riducessero da 4 a 1, si ridurrebbero davvero in modo sostanziale i dipendenti? Io penso di no. Se ho meno soldi per la benzina, forse non è una gran buona scelta ridurre il numero delle ruote, piuttosto occorre rendere più efficienti i viaggi!
    Investire sulla prevenzione PRIMARIA, sulle scelte paramediche che riducano le ospedalizzazioni non necessarie, …

    Qualcuno deve ancora convincermi che accentrare (su modelli già sperimentati e falliti, vedi Hera, StartRomagna, …) sia una soluzione virtuosa e coraggiosa.

    • Caro Paolo,
      quello che tu proponi, giusto e condivisibile, non è affatto in contraddizione con un progetto di Ausl unica.
      Che non significa sguarnire il territorio ma, anzi, potenziare e migliorare i servizi.
      D’altronde la Romagna, come dimostrano le ultime vicende, non può più ritardare processi di coordinamento, aggregazione e fusione di servizi.
      Certamente vanno portati avanti in maniera intelligente, guardando il bene dei cittadini e non gli interessi di pochi (o tanti che siano!) privilegiati.
      Un caro saluto,
      Damiano Zoffoli

  • salvatore zappala'

    caro Damiano,
    anche io avrei delle perplessità sul partire dall’idea di una AUSL unica della Romagna (AUSL che, secondo me, sono al momento tra i sistemi organizzativi e tecnologici più complessi esistenti), mentre invece vedrei come abbastanza immediato il tema della prefigurazione e sperimentaizone di percorsi di razionalizzazione, di attenzione ai servizi eccellenti da centralizzare per le 4 ausl, ecc.
    e poi pian piano procedere verso un possibile accorpamento anche amministrativo e finanziario…
    al momento il processo di integrazione tra alcune di queste ausl sembra troppo lento e forse anche poco chiaro, per pensare di ripetere questo su una grande portata, per tutte le 4 ausl.
    cari saluti
    sz

    • Carissimo Salvatore,

      il progetto dell’Azienda unica romagnola è senza dubbio fra i temi più dibattuti delle ultime settimane, anche se spesso ciò accade nell’ambito di discussioni che attengono al riassetto istituzionale generale o ai tagli imposti dalla spending review.
      Non va mai messo in secondo piano, al contrario, che in sanità il fulcro di ogni ragionamento programmatorio ed organizzativo è rappresentato innanzitutto dalle persone e dai loro bisogni, seppur in un’ottica di offerta sostenibile ma anche, non si può escluderlo a priori, migliorabile.

      Abbiamo molti elementi ed esperienze a supporto di una nuova progettualità: il percorso di area vasta Romagna fatto da oltre un decennio in questo territorio, ed i risultati importanti già raggiunti, in particolare a Cesena, sede del laboratorio unico di Pievesestina e di altri servizi hub in ambito ospedaliero.

      Indubbiamente, la riorganizzazione delle aziende può consentire alla sanità cesenate e romagnola di continuare a garantire investimenti – siano essi strutturali o tecnologici – finalizzati al mantenimento degli attuali standard di eccellenza nell’erogazione dei servizi. L’ulteriore rafforzamento dell’area vasta Romagna in Azienda unica deve essere costruito attraverso un nuovo patto politico ed istituzionale fra i territori, gli Enti locali, le parti sociali e la Regione.

      È poi fondamentale che il progetto dell’Azienda unica si accompagni agli altri processi, già in corso, di integrazione e di ottimizzazione funzionale fra le 4 aziende (in particolare, per Cesena, con l’azienda di Forlì), perchè non si fermi, né rallenti, il consolidamento e l’implementazione delle attività già condivise (centrale unica 118, laboratorio e servizi collegati, IRCCS di Meldola, …).

      Il metodo di condivisione del percorso di area vasta Romagna fin qui avviato non deve essere messo in discussione: i cambiamenti vanno previsti attraverso tempi e modi funzionali alle aspettative dei cittadini e delle loro rappresentanze sindacali ed associative, all’elaborazione politica ed istituzionale, al coinvolgimento costruttivo dei professionisti e degli operatori. In particolare in sanità, infatti, ogni nuovo progetto va accompagnato da una volontà di coesione innanzitutto culturale, che miri a ridurre/eliminare le insicurezze e le paure verso il nuovo.

      È chiaro che, tutto questo, sarà poi concretamente realizzato con la gradualità e i tempi tecnici necessari.
      Ma alla politica spetta, innanzitutto, di individuare l’obiettivo e delineare una strada per raggiungerlo.

      Un caro saluto,
      Damiano Zoffoli