Servizio Civile, sburocratizzare e portare in aula il documento di programmazione atteso dal 2003

Presentata un’interrogazione alla Giunta regionale

La Regione Emilia-Romagna dovrebbe “elaborare e sottoporre all’Assemblea legislativa il documento di programmazione triennale” che “deve costituire motivo di un’aggiornata riflessione sul ruolo del servizio civile nella nostra Regione” ma non è stato “mai predisposto e adottato”, nonostante lo preveda la legge regionale 20/2003 sul servizio civile. A chiederlo, in una interrogazione alla Giunta, è il Consigliere regionale del Partito Democratico, Damiano Zoffoli, che ricorda come un nuovo piano triennale sia stato “anche formalmente richiesto dalla Conferenza regionale del servizio civile svoltasi nel dicembre 2008”.

Tra le novità che il Consigliere richiede di introdurre figurano anche “nuovi criteri di valutazione dei progetti di servizio civile, per incentivare i progetti generativi di valore per la collettività” e “una maggiore integrazione delle politiche regionali che riguardano il servizio civile, i giovani, il lavoro, la formazione, il terzo settore e la cooperazione internazionale”. Secondo Zoffoli, inoltre, la Giunta dovrebbe “procedere ad una sburocratizzazione delle procedure di redazione e presentazione dei progetti di servizio civile, e della relativa modulistica e documentazione” nonché “prevedere una semplificazione dell’organizzazione territoriale degli enti di servizio civile” anche alla luce del dibattito sul superamento delle Province.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.