“L’Italia è un Paese per giovani?” Ne parliamo stasera a Cesena, con Beppe Pagani

“L’Italia è un paese sempre più vecchio, nel quale i giovani vengono spinti ai margini, se non addirittura esclusi: nel lavoro, nella politica, nella società in genere. Eppure è solo dai giovani che può arrivare lo scatto capace di dare nuova speranza al nostro Paese”.

È quanto afferma il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, che lunedì 9 luglio introdurrà il suo collega Beppe Pagani, Presidente della Commissione Scuola, formazione e lavoro della Regione Emilia-Romagna, in un faccia a faccia a Cesena sul tema “L’Italia è un Paese per giovani?”.

All’iniziativa interverrà anche l’Assessore al Lavoro, giovani, imprese e sviluppo del territorio del Comune di Cesena, Matteo Marchi, che sta lavorando al progetto europeo Job Town.

L’incontro, dalle ore 20:45 al Parco Giochi Frutipapalina (Piazzale Berlinguer, 50), è organizzato all’interno della Festa Democratica di Sant’Egidio di Cesena.

Giuseppe Pagani, detto Beppe, 54 anni, vive a Scandiano ed è stato tra i fondatori del Comitato reggiano per la difesa della Costituzione. Laureato in scienze politiche e sociali, dal 1998 al 2000 è responsabile nazionale del settore formazione del sindacato; nel 2000 diventa segretario generale della Cisl di Reggio Emilia, carica che ricopre fino al 2010, quando viene eletto Consigliere regionale dell’Emilia-Romagna.

Tra i tanti temi di cui si è occupato negli ultimi mesi in Regione, come Presidente della Commissione Scuola, formazione e lavoro, ci sono riforme importanti (come il nuovo sistema regionale di istruzione e formazione professionale o la rete politecnica) e il piano straordinario per l’occupazione giovanile dell’Emilia Romagna.

Quest’ultimo, con una dotazione complessiva di 46 milioni di euro, è articolato in quattro fondi: apprendistato (20 milioni), assunzione e la stabilizzazione (20 milioni), fondo 30-34 anni (3 milioni) e fondo fare impresa (3 milioni).

“I dati sulla disoccupazione giovanile in Emilia-Romagna – spiega il consigliere regionale Damiano Zoffoli – vedono disoccupati il 13,5 per cento (contro il 29 nazionale) dei giovani tra i 15 e i 29 anni, mentre è stimata attorno al 5,6 per cento la percentuale dei cosiddetti invisibili: ragazzi che non studiano, non lavorano e non sono in cerca di occupazione. Inoltre sono circa 120mila i giovani con contratti di lavoro atipici. Questa situazione rischia di deprimere e frustrare un’intera generazione che, per la prima volta dal dopoguerra, trasforma la sua precarietà lavorativa in precarietà esistenziale. Ecco perché la nostra Regione ha fatto una scelta ben precisa: combattere la precarietà, investendo massicciamente sui giovani, sull’apprendistato, sulla stabilizzazione e sulla buona occupazione delle nuove generazioni, mettendo a disposizione 46 milioni di euro (a cui si sommano ulteriori 9 milioni di euro, frutto degli accordi con i fondi interprofessionali) per le imprese che vogliono assumere giovani, per poi formarli e qualificarli, con meccanismi incentivanti per quelle aziende che, negli anni scorsi, non hanno licenziato. Competitività e innovazione delle imprese, formazione e occupazione dei nostri giovani sono temi centrali: da questi passa il futuro dell’intera comunità regionale”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to “L’Italia è un Paese per giovani?” Ne parliamo stasera a Cesena, con Beppe Pagani

  • Fringui

    Molto interessante l’intervento di Pagani, soprattutto quando ha rimarcato la necessità di tutelare i lavoratori atipici (in costante aumento) piuttosto che fossilizzarsi sull’articolo 18, e la mancata valorizzazione, in Italia, del lavoro flessibile, che ad oggi ha portato solo più sfruttamento. Una chiara critica anche al proprio partito, ancora troppo influenzato dai dettami della Cgil.

    Non dello stesso livello l’intervento dell’altro relatore, che sicuramente però potrebbe dare dei buoni consigli ai giovani su come trovarsi un bel posto di lavoro…

  • Manuela Rontini

    Per chi volesse approfondire, segnalo che a questo link (http://www.giuseppepagani.it/2012/07/lavoro-e-flessibilita/) è possibile guardare un video dell’intervento di Beppe Pagani; in particolare c’è proprio lo “spezzone” relativo ai temi citati nel commento qui sopra.