Dalla Regione 5 milioni di euro per la manutenzione e la tutela dei bacini idrici delle aree montane

Aumentata all’1,5% la percentuale degli oneri, sul totale dei costi operativi a carico di Hera, da destinare ogni anno ad interventi in montagna.

Dopo l’approvazione, la settimana scorsa, della nuova legge regionale “Disposizioni per la bonifica”, che ha sancito il principio secondo cui “i tributi che si riscuotono in montagna si reinvestono in montagna”, triplicando così la quota destinata a queste zone (circa 15 milioni di euro all’anno), la Regione Emilia-Romagna fa un altro passo a favore dei territori montani.

La direttiva sulla tutela dei bacini idrici, che alimentano i sistemi di prelievo delle acque superficiali e sotterranee nel territorio montano della nostra Regione, approvata lunedì dalla Giunta regionale, destina, infatti, altri 5 milioni di euro all’anno per tutelare e rafforzare la qualità della vita in montagna.

Accogliendo la proposta avanzata dalle associazioni degli Enti locali (Anci, Uncem,Upi, Lega autonomie) si è prevista la possibilità di innalzare fino all’1,5% l’incidenza percentuale annua degli oneri da destinare ad interventi di manutenzione ordinaria delle aree montane e di salvaguardia, proprio laddove ci sono le sorgenti ed avviene la riproduzione della risorsa idrica, sul totale dei costi operativi, a carico dei gestori del servizio idrico integrato, riportati in tariffa.

“Si tratta non di un finanziamento una tantum, ma di risorse certe, che ogni anno verranno destinate al contrasto del dissesto idrogeologico, alla tutela della ricarica delle falde e dello sfruttamento delle sorgenti, alla manutenzione del territorio montano: la Regione conferma così il proprio impegno per il presidio del territorio montano, finanziando interventi che sono più che mai strategici in queste aree. A beneficio, non solo della montagna, ma di tutto il nostro territorio regionale” commenta il Consigliere Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione assembleare “Territorio Ambiente” della Regione Emilia-Romagna.

È possibile scaricare la DELIBERA di Giunta cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.