Riforma nidi, dopo la legge è in discussione la nuova direttiva

Ecco come potranno cambiare i requisiti strutturali e organizzativi dei servizi educativi per la prima infanzia, e la disciplina dei servizi ricreativi e di conciliazione.

Dopo l’approvazione della legge regionale n. 6 del 22 giugno 2012, che riorganizza il sistema dei servizi educativi per la prima infanzia (0-3 anni), è in discussione la direttiva, proposta dalla Giunta regionale, in materia di “requisiti strutturali e organizzativi dei servizi educativi per la prima infanzia e relative norme procedurali. Disciplina dei servizi ricreativi e di conciliazione”.

Le parole chiave della proposta di revisione della direttiva vigente sono: qualità, sostenibilità e semplificazione, che significano mantenere la qualità, senza trascurare la sostenibilità economica, introducendo a questo fine anche numerosi elementi di semplificazione e ottimizzazione.

Uno degli elementi distintivi della nuova direttiva riguarda, quindi, l’attenuazione ragionata di alcuni parametri strutturali in essere, che non pregiudica la qualità dei servizi e che è stata determinata insieme ai gestori dei servizi educativi per la prima infanzia.

Si è previsto, per esempio, di armonizzare e ottimizzare i metri quadrati degli spazi interni ed esterni dei servizi, di ridimensionare le dotazioni igieniche in misura idonea, di eliminare alcuni spazi prima contemplati, come la doccia per il cuoco, che si sono dimostrati superflui, così come è stato determinato un migliore dimensionamento delle cucine (previste solo in presenza della sezione lattanti).

La legge 6/2012 ha ridefinito le principali tipologie di questi servizi, mantenendo due principi fondamentali: il titolo di studio per l’accesso al posto di educatore indipendentemente dal tipo di servizio educativo e un adeguato rapporto numerico all’interno dei nidi di infanzia tra educatori e bambini, differenziato a seconda dell’età.

Ricordiamo le singole tipologie di servizio disciplinate dalla direttiva: i nidi di infanzia, i servizi domiciliari (piccoli gruppi educativi), i servizi integrativi (spazio bambini e centro per bambini e genitori) e i servizi sperimentali.

Sono previsti inoltre i servizi ricreativi (baby parking) e di conciliazione che si contraddistinguono per “l’occasionalità e la temporaneità dell’offerta” e si collocano su un piano diverso da quello dei servizi educativi: per questi la legge fissa quali unici requisiti la sicurezza, l’igiene e la salute dei bambini.

Sono, in particolare, una novità i servizi di conciliazione (baby sitter), che sono “autonomamente attivati dalle famiglie” e che “possono essere collegati al sistema dei servizi, pur non essendo soggetti ad alcun tipo di autorizzazione”.

Alcuni Comuni, a questo proposito, anche su richiesta delle famiglie, hanno istituito appositi albi di baby sitter, favorendo la loro partecipazione a iniziative di formazione.

Il documento sarà al centro di un’audizione pubblica il prossimo lunedì (16 luglio 2012 alle ore 15), per poi tornare in Commissione per la discussione e la votazione.

È possibile scaricare il testo della DIRETTIVA cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.