I tagli delle Poste penalizzano la montagna. Difendere i piccoli uffici postali è difendere il territorio

Otto sportelli a rischio in provincia di Forlì-Cesena. Presentata una risoluzione per attivare la Giunta regionale.

DSCN0670“Un ufficio postale non può essere considerato solo come una serie di sportelli, da valutare su indici di produttività e sacrificabili all’occorrenza. Con le scuole, le chiese, i circoli, la Posta è parte di quel puzzle che aiuta una comunità a sentirsi tale. A sentirsi una frazione o un quartiere degni di questo nome, non un semplice dormitorio. Per questo il piano di Poste italiane di chiudere 134 uffici postali in regione, 8 in provincia di Forlì-Cesena, tra l’altro senza alcun confronto con i sindaci della zona, non si può assolutamente considerare accettabile”.

È il pensiero del consigliere regionale Damiano Zoffoli che, con altri consiglieri del Pd, ha presentato una risoluzione per impegnare la Giunta regionale ad attivarsi presso le Poste, per evitare che l’attuazione del piano abbia ricadute sui livelli occupazionali (secondo fonti sindacali ci sarebbe un taglio del 15 per cento sulla copertura dei recapiti) e scongiurare ricadute negative sul fronte dei servizi ai cittadini.

“In provincia di Forlì-Cesena – continua Zoffoli – sono destinati alla chiusura otto uffici postali, tre nel forlivese (San Benedetto in Alpe, Tontola di Predappio, Predappio Alta) e cinque nel cesenate: Calisese, Gattolino, Linaro di Mercato Saraceno, Pieve di Rivoschio di Sarsina, Selvapiana di Bagno di Romagna. Si tratta, tranne due casi, di uffici postali situati in zone di montagna. Quella montagna che troppe persone ha perso nei decenni passati, vedendo venir meno un importante presidio sul territorio. Per questo un taglio nelle zone montane è doppiamente inaccettabile, dato che va a colpire centri già troppo penalizzati in passato. Chi risiede in quelle zone dovrà percorrere diversi chilometri in più, tra andata e ritorno, per operazioni all’apparenza semplici come il ritiro di una raccomandata o della pensione”.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to I tagli delle Poste penalizzano la montagna. Difendere i piccoli uffici postali è difendere il territorio

  • Fringui

    Ormai le Poste fanno ben altro (banche, cartoleria, libreria) a discapito del lavoro per cui sono nate…