Migliorare l’assistenza domiciliare ai malati gravi

Una risoluzione bipartisan impegna la Giunta a continuare e sviluppare progetti di assistenza ai malati di Sla e altre patologie gravi. Anche lo Stato dovrà fare la sua parte.

hands that careOgni cinque malati con gravi disabilità assistiti oggi in Emilia-Romagna, uno è affetto da Sclerosi laterale amiotrofica (Sla). La malattia colpisce 270 persone nel territorio della regione. Persone che richiedono una cura ed un’assistenza continua, tali da mettere a dura prova familiari e amici.

Per questo è indispensabile un supporto straordinario da parte delle Istituzioni. Lo Stato, invece, lo scorso anno ha azzerato il proprio Fondo per la non autosufficienza (31 milioni in meno per l’Emilia-Romagna), diversamente dalla Regione, impegnata da 8 anni su questo fronte con fondi propri derivanti dall’addizionale Irpef.

Ora una risoluzione bipartisan, votata all’unanimità dall’Assemblea legislativa, impegna la Giunta regionale ad agire presso il Governo per il ripristino del Fondo nazionale per la non autosufficienza, così da garantire continuità all’assistenza delle persone colpite da gravi malattie neurologiche. La risoluzione chiede inoltre di continuare a sostenere le famiglie con progetti individuali, evitando una ospedalizzazione del malato, e di migliorare le collaborazioni con le associazioni dei familiari di malati con gravissime disabilità (sono ormai più di 1300 quelli assistiti a domicilio per diverse patologie).

“Per un malato – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – è importante rimanere in famiglia, venendo assistito a domicilio. Con questa risoluzione chiediamo alla Giunta di rafforzare l’assistenza domiciliare, innalzando anche gli attuali limiti previsti dall’Isee e verificando la possibilità di aumentare l’assegno di cura per i malati di Sla e di altre patologie gravi”.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.