Più risorse per il Centro ricerche marine di Cesenatico

Presentata una risoluzione “trasversale”, firmata da tutti i Gruppi assembleari in Regione.

A Cesenatico, sul battello oceanografico DaphneLa Giunta regionale deve “reperire le risorse necessarie per incrementare il contributo annuale di funzionamento da corrispondere al Centro ricerche marine di Cesenatico al fine di consentire la continuazione di attività e servizi”, dal momento che “l’importanza del Centro, attraverso l’esperienza maturata nel tempo, ha consentito di combattere attraverso lo strumento della conoscenza le crisi degli ecosistemi che si sono presentate nel tempo nell’alto Adriatico”, al punto da “costituire un punto d’eccellenza nel settore della sicurezza alimentare”.

 A chiederlo è una risoluzione sottoscritta da almeno un esponente di ogni Gruppo consiliare: al primo firmatario Damiano Zoffoli (Pd) si sono infatti aggiunti Monica Donini (Fds), Gian Guido Naldi (Sel-Verdi), Franco Grillini (Idv), Silvia Noè (Udc), Manes Bernardini (Lega), Fabio Filippi (Pdl) e Giovanni Favia (M5s).

Il documento ricorda come “i settori interessati dalle attività del Crm riguardino aree socio-economiche ed ecosistemiche di straordinaria importanza, tra tutte si pensi all’ambiente, al turismo, alla pesca e alla maricoltura”, ma nonostante ciò “le ristrettezze finanziarie che stanno attanagliando il Paese si stanno purtroppo riverberando anche sul Cmr, nonostante sia stato da tempo intrapreso un percorso di razionalizzazione e riduzione di tutti i costi di funzionamento, anche a seguito della riduzione dei contributi annuali da parte di alcuni Comuni e Province costiere, per un importo che già oggi ammonta a 41.500 euro”.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.