L’Europa che tocchi con mano: più liberi col cellulare all’estero

Calano i costi per telefonate e Internet nella Ue. Ed è solo l’inizio.

Mobile phoneNella cronaca di tutti i giorni, quasi sempre l’Europa viene tirata in ballo da politici di questo o quello schieramento come giustificazione, o causa, dei provvedimenti più svariati.

“Ce lo ha chiesto l’Europa” è divenuto ormai uno stanco ritornello.

La crisi economica e dell’Euro non deve però farci dimenticare come le Comunità europee, dagli anni ’50 ad oggi, siano riuscite a dare a questo continente, martoriato da guerre secolari, un lunghissimo periodo di pace e prosperità.

Ed è grazie ai provvedimenti presi di comune accordo dagli Stati europei, membri della Cee prima e della Ue poi, se oggi i cittadini possono viaggiare liberamente per la maggior parte del continente senza passaporto e senza sapere che cosa sia una dogana. Allo stesso modo in cui, nello Spazio economico europeo, viaggiano liberamente beni e servizi.

Dal primo luglio scorso questa libertà si è fatta ancora più ampia con la riduzione delle tariffe telefoniche (voce e dati) stabilita dalla Ue. Un provvedimento, approvato da Parlamento europeo, Commissione e Presidenza europea, che “mette in riga” i diversi operatori nazionali di telefonia mobile in nome del mercato comune.

Così, ad oggi, il costo delle chiamate in uscita non può superare i 29 centesimi al minuto più Iva (contro i 35 precedenti), il tetto per le chiamate ricevute è fissato in 8 centesimi al minuto più Iva (erano 11) e il costo degli Sms a 9 centesimi (erano 11).

Ma questo è solo l’inizio. L’obbiettivo finale è procedere con riduzioni progressive (il primo luglio di ogni anno) per avvicinare il più possibile le tariffe in roaming a quelle del proprio Paese. Così, tra soli due anni, sarà possibile chiamare all’estero a 19 centesimi al minuto, ricevere chiamate a 5 centesimi il minuto e inviare Sms a 6 centesimi (sempre più Iva).

Lo stesso trend di riduzione dei costi è applicato alla navigazione su Internet via rete mobile, ormai pratica comune grazie alla crescente diffusione di smartphone e tablet. Oggi per ogni megabyte di traffico generato all’estero si pagano 70 centesimi, che scenderanno a 45 centesimi da luglio 2013 e a 20 centesimi da luglio 2014.

Liberi dai confini, liberi dalle dogane interne, liberi di lavorare all’estero, e un po’ più liberi di comunicare. L’Europa non è fatta solo di massimi sistemi o alta economia: è più vicina a noi di quanto si possa credere.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.