Pronto il Piano regionale degli interventi per sostenere il Terzo settore

A disposizione 600mila euro per cooperative sociali, organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale.

Seicentomila euro per il sociale e il volontariato. È questa la cifra messa a disposizione dalla Regione Emilia-Romagna per sostenere e qualificare i soggetti operanti nel Terzo settore.

Il Piano unico per il 2012, approvato dalla Giunta per consentire al meglio la programmazione e la realizzazione degli interventi, si rivolge alle cooperative sociali iscritte all’albo regionale, alle organizzazioni di volontariato, alle associazioni di promozione sociale, e prevede il coinvolgimento delle Amministrazioni provinciali.

“La Regione Emilia-Romagna, – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – anche in un periodo in cui le risorse a disposizione degli Enti locali sono sempre meno, ha scelto di continuare a sostenere il Terzo settore e i soggetti che vi operano. Un mondo vivo e vitale, quello del non profit, fatto di persone che mettono a disposizione impegno ed energie per migliorare la qualità della vita delle nostre comunità, e a cui va riconosciuto un ruolo fondamentale per la crescita del capitale sociale dei nostri territori”.

Per quanto riguarda le cooperative sociali, il Piano dà priorità a quelle che hanno alle proprie dipendenze lavoratori in condizione di fragilità e svantaggio. “Una scelta nata dalla constatazione che, nell’attuale situazione economica ed occupazionale, queste realtà rappresentano una risorsa insostituibile per le fasce più fragili della popolazione, – prosegue Zoffoli – quelle che hanno già grandi difficoltà di accesso al mercato del lavoro”.

Per le organizzazioni di volontariato e le associazioni di promozione sociale di rilevanza regionale, invece, il Piano valorizzerà soprattutto i progetti di sensibilizzazione dei giovani alle attività di solidarietà, pubblica utilità e servizio civico, con l’obiettivo di promuovere e valorizzare i talenti delle ragazze e dei ragazzi e di favorire il ricambio generazionale.

Parte proprio dalla volontà di offrire un’esperienza educativa e di impegno positivo del tempo libero la proposta di servizio civico rivolta a tutti i giovani senza distinzione di titoli e competenze, di sesso o di appartenenza culturale o religiosa, di ceto, di residenza o di cittadinanza.

Potranno quindi essere finanziati progetti finalizzati a favorire la partecipazione sociale attiva, a diffondere buone prassi o nuove modalità di approccio ai problemi: il tutto con particolare attenzione a esperienze che valorizzino il lavoro in rete.

Le Amministrazioni provinciali potranno realizzare iniziative concordate con le associazioni di volontariato operanti nel territorio di competenza e iscritte nei registri dei loro territori. Parte delle risorse regionali dovranno poi sostenere l’attività degli sportelli informativi e di consulenza rivolte alle piccole associazioni di promozione sociale.

Le domande delle organizzazioni di volontariato dovranno essere presentate entro il 16 ottobre, tramite i Centri di servizio provinciale.

I progetti delle associazioni di promozione sociale dovranno invece pervenire entro il 30 settembre.

È possibile scaricare il testo del PIANO cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.