Un bando per il miglior copione teatrale in dialetto romagnolo

Ottava edizione del Premio “Città del Rubicone – Francesco Montanari”, in scadenza il 30 settembre.

Il dialetto romagnolo è parte integrante delle nostre radici, riesce a raccontare in modo unico un vissuto, una rete di relazioni familiari e d’amicizia. Valorizzare il dialetto vuol dire capire meglio chi siamo e da dove veniamo, ci rende tutti più ricchi e (a differenza di quello che credono certuni) aperti agli altri. Perché il dialetto romagnolo, come questa terra, è basato sull’incontro e sulla condivisione.

Per questo voglio segnalare la bella iniziativa del Premio “Città del Rubicone – Francesco Montanari”, un bando che mette in palio 1000 euro per il miglior testo in dialetto romagnolo.

Si tratta di una iniziativa biennale, giunta all’ottava edizione, che negli anni passati ha riscontrato un buon interesse, raccogliendo oltre 70 copioni teatrali inediti.

Promosso dalla “Filodrammatica Dialettale della Speranza”, dall’Assessorato alla cultura del Comune di Savignano sul Rubicone e con il sostegno della Bcc “Romagna Est”, il concorso è rivolto agli autori di teatro dialettale romagnolo o emiliano. Bisogna presentare opere inedite e non sono ammessi né traduzioni da altre lingue né atti unici.

La scadenza del bando è fissata al 30 settembre 2012, data entro la quale i testi dovranno pervenire alla segreteria del Premio istituita presso la Biblioteca comunale di Savignano sul Rubicone in Corso Vendemini 67 (per informazioni tel. 0541 944955).

Il Premio è intitolato alla memoria di Francesco Montanari, detto “Bugara ad Ciprièn”, regista della Compagnia della speranza scomparso nel 1991, a 79 anni. La Filodrammatica, a sua volta, può vantare una esperienza quarantennale, essendo stata fondata nel 1971 da Ermanno Pasolini (storico corrispondente de Il Resto del Carlino dalle terre del Rubicone) nella parrocchia di Castelvecchio di Savignano sul Rubicone, con oltre 40 rappresentazioni all’attivo e un buon numero di riconoscimenti ai propri attori e scenografi.

È possibile scaricare il bando di concorso cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.