Diritto allo studio universitario: è tempo di domande

bookBorse di studio, alloggi per studenti, prestiti, contributi per disabili e per studiare all’estero. Gli universitari dell’Emilia-Romagna possono presentare domanda per questi benefici sul sito di Er.Go, l’Azienda regionale per il diritto allo studio. Il bando per il prossimo anno accademico è aperto da qualche settimana ed è possibile partecipare solo on-line su www.er-go.it. Differenziate le scadenze: per borse di studio ed esonero tasse 27 settembre, prestiti fiduciari 15 ottobre.

I criteri per accedere al bando sono economici (reddito e patrimonio pesati per mezzo degli indicatori Isee e Ispe) e di merito, eccezion fatta per le matricole che saranno valutate solo sul piano economico. Lo scorso anno sono stati stanziati 67 milioni di euro per soddisfare oltre 17mila e 500 studenti in tutta la Regione, 3037 dei quali residenti in Romagna.

“Si tratta di interventi con i quali la Regione cerca di attuare compiutamente il diritto allo studio – commenta il consigliere regionale ­Damiano Zoffoli – in un settore, come quello dell’istruzione universitaria, che può incidere pesantemente sul bilancio delle famiglie”.

Le borse di studio erogate da Er.Go vanno da un minimo di 1402 euro annui fino a 5073 euro, sulla base delle condizioni economiche dello studente e della sua residenza (pendolare, in sede o fuori sede). Gli assegnatari di un alloggio, oltre al diritto di residenza gratuita, riceveranno anche un contributo per l’accesso al servizio ristorativo.

Da notare come i 3mila alloggi disponibili in regione (22 dei quali a Cesena e 120 a Forlì), una volta soddisfatte le richieste dei beneficiari, possano essere assegnati anche temporaneamente a studenti stranieri o personale collegato all’università con una semplice prenotazione online (lo scorso anno sono stati 744). E per gli studenti che dall’estero scelgono le facoltà delle università della regione, da quest’anno è attivo uno sportello su Internet con informazioni e video plurilingue.

Per quanto riguarda gli ulteriori benefici, i prestiti fiduciari agevolati possono arrivare fino a 23mila euro, mentre i contributi per interventi straordinari possono toccare i 2mila euro. Dai 2 ai 4mila euro i contributi per la frequenza di Master, Alta formazione o specializzazioni all’estero (in 22 paesi europei o in altri continenti).

Per informazioni, oltre al sito www.er-go.it con tutte le informazioni a portata di mouse, è possibile chiamare il numero 051-6436900.

La guida completa ai bandi per tutti i benefici 2012/13 è scaricabile QUI.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Diritto allo studio universitario: è tempo di domande

  • PAOLO

    TUTTO BENE NON C’E’ CHE DIRE, MA IL VERO DIRITTO ALLO STUDIO
    NON PUO’ CHE PASSARE ATTRAVERSO L’ABOLIZIONE DEL NUMERO CHIUSO
    E DEI RELATIVI TEST DI INGRESSO SEMPRE PIU’ RIDICOLI,
    SOPRATTUTTO SE POI PARAGONATI AL NUMERO EFFETTIVO DEI LAUREATI.

    SI FACCIA SELEZIONE ALL’INTERNO DELLE UNIVERSITA’ E NON CON METODI
    IN DEFINITIVA CASUALI E CHE ANNICHILISCONO LE PASSIONI.

    CIAO
    A SPERIAMO PRESTO
    PAOLO