“Renzi sorprenderà tutti, anche a Cesena”

Zoffoli guida la carica dei “rottamatori”. Il consigliere regionale è schierato col sindaco di Firenze.

di Andrea Alessandrini. Il Resto del Carlino Cesena – mercoledì 5 settembre 2012.

«IO CREDO che dopo il 13 settembre ne vedremo delle belle, quando si formeranno anche a Cesena e nei nostri comuni i comitati per sostenere la candidatura alle primarie di Renzi. Ci saranno molto sorprese, per chi lo sta sottovalutando».

Parla Damiano Zoffoli, molto carico: l’ex sindaco di Cesenatico e consigliere regionale del Pd, renzista della prima ora («Dai tempi della Leopolda l»), tra i più convinti sostenitori della candidatura del sindaco di Firenze a premier proposto dal Pd e dagli alleati. Quando partirà la campagna per le primarie del partito, Zoffoli sarà sicuramente il portabandiera di Renzi in Romagna.

Zoffoli, qui a Cesena voi renziani siete netta minoranza nel partito.
«Non c’è dubbio che la dirigenza del Pd cesenate appoggi Bersani, ma sia dentro che fuori il partito Renzi sta facendo molta presa e sono convinto che possa giocarsi le sue carte alle primarie».

Che cosa l’ha conquistata del giovane politico toscano?
«Il fatto che abbia cominciato come sindaco, un mestiere che conosco bene. E che nel partito abbia portato idee nuove e un linguaggio svecchiato, fuori dai riti e dal gergo del ‘politichese’».

Quali sono i suoi punti forti?
«Concretezza, coraggio e chiarezza. Renzi è in grado di intercettare ampie fasce di elettorato: i giovani soprattutto, ma non soltanto. Anche l’altro giorno quanto è intervenuto a una festa del Pd a Forlì ad ascoltarlo, nonostante il nubifragio, erano in tantissimi. Ed ho visto molti anziani che andavano a chiedergli l’autografo».

I leader del Pd paiono insofferenti verso di lui.
«Guardi, il fatto certo è che siamo arrivati ad una svolta e di fronte al crescere della antipolitica serve una risposta nuova della politica, che passa anche attraverso le persone. Ora serve discontinuità. Il Pd è sorto proprio per questo: per essere una forza nuova capace di rispondere alle esigenze della società. Renzi secondo me è in grado di guidare questa svolta. Dovunque l’ho seguito, a Reggio Emilia come Ravenna e Forlì, ho captato che parla al cuore della gente».

È d’accordo con Renzi anche sul principio di mandare in pensione chi è in Parlamento da oltre vent’anni?
«Nel Pd dovremmo essere d’accordo tutti, visto che è lo statuto del nostro partito a porre come limite massimo i tre mandati».

Non le piace Bersani?
«Al contrario, lo stimo, ma per la svolta serve Renzi».

Renzi può sottrarre elettori al centrodestra?
«Evidente. Nel suo programma ci sono il federalismo, la riduzione delle tasse, il taglio dei costi alla politica, lo sfoltimento delle norme burocratiche sul lavoro. Anche Berlusconi ha proposto alcune di queste istanze senza però essere capace di realizzarne neppure una».

C’è ostilità nel Pd territoriale verso chi si schiera dalla parte di Renzi?
«Ostilità no. Io credo che i comitati per sostenere la sua candidatura alimenteranno la dialettica interna e faranno bene al Pd».

A proposito di primarie: lei si proporrà come candidato al Parlamento?
«No, sono già in troppi quelli che vogliono correre».

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to “Renzi sorprenderà tutti, anche a Cesena”

  • Sono personalmente entusiasta che una parte del partito veda in Renzi colui che può dare finalmente una spallata a questa classe dirigente del PD decisamente troppo autoreferenziale per essere credibile. Più che renzi in se, che giudico in alcuni tratti un po troppo vittima del pensiero neoliberista, è il metodo che giudico positivo. In fondo, è l’unico che ha davvero raccolto la sfida di Grillo, quella di portare la discussione sul “suo” terreno. Basterebbe pochissimo per la sinistra.. basterebbe raccogliere qualche proposta terra terra come impedire la candidatura di condannati anche non in via definitiva, limitare il numero dei mandati, rinunciare ai rimborsi elettorali ai partiti, limitare i rimborsi all’editoria, ridurre il numero dei parlamentari, ripristinare “davvero” le preferenze…. macchè… speriamo che Renzi ci riesca, visto che ha dichiarato in varie occasioni che per combattere grillo occorre raccogliere le sue istanze. Mi sa che ha ragione, e lo dice un onesto sostenitore di grillo… lui non avrebbe davvero scopo, se la politica italiana convenzionale fosse in grado di evolversi, schiodare la vecchia classe dirigente, e raccogliere le nuove idee che emergono dai giovani di questo paese.

  • Fringui

    C’è ostilità nel Pd territoriale verso chi si schiera dalla parte di Renzi?
    «Ostilità no (…)».

    Damiano non raccontare le bugie 😉