Il Servizio civile si mobilita per le zone terremotate

In Emilia-Romagna saranno impegnati 500 volontari: 400 del Servizio nazionale e 100 stranieri, comunitari e non, del Servizio regionale

Un’iniezione di fresca solidarietà giovanile nelle zone colpite dal sisma del maggio scorso. Con un bando straordinario, il Servizio civile nazionale selezionerà 500 giovani da impiegare nei territori terremotati. Di questi, ben 400 saranno assegnati all’Emilia-Romagna. Il totale impegnato effettivamente in regione sarà però di 500, dato che ai 400 italiani del Servizio civile nazionale si aggiungeranno altri 100 stranieri, comunitari o meno, selezionati dal Servizio civile regionale.

Il bando nazionale, annunciato nei giorni scorsi dal ministro per la Cooperazione internazionale e l’integrazione Andrea Riccardi, è stato finanziato su sollecitazione della Conferenza delle Regioni.

I giovani volontari si troveranno impegnati nelle province di Modena, Reggio Emilia, Bologna e Ferrara, 350 di essi nel settore educativo e assistenziale, 50 nel campo dei beni artistici e culturali. I progetti saranno selezionati di concerto con i Comuni colpiti e il Terzo settore, mentre la priorità nella selezione dei volontari sarà data ai giovani provenienti dalle stesse province, avanguardia di una società civile desiderosa come non mai di ritornare al più presto alla normalità.

Ai volontari italiani si affiancheranno un centinaio di giovani stranieri, comunitari e non, grazie alla legge regionale 20 del 2003 istitutiva del Servizio civile regionale: “Si tratta di un’opportunità per i giovani di servire la propria comunità – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli – senza distinzione di cittadinanza, nello spirito che ha portato la Regione ad aprire, da quasi dieci anni, il servizio civile ai cittadini non italiani. Sono certo che poter far parte della grande opera di ritorno alla normalità nelle zone colpite dal sisma, lascerà un segno profondo in tutti i giovani. Per i ragazzi senza la cittadinanza italiana poi, questa esperienza potrà rappresentare un’ulteriore testimonianza d’integrazione, e orgoglio civico, nei confronti di chi vorrebbe gli stranieri ai margini della società”.

La delibera di Giunta regionale per la selezione di questi altri 100 volontari, tra stranieri e cittadini comunitari, sarà discussa questa mattina dalla commissione Politiche per la salute e politiche sociali dell’Assemblea legislativa, chiamata a esprimere un parere in merito.

 

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.