Difficoltà col mutuo? Ecco come e quando sospendere le rate

Come funziona l’accordo tra Abi e Associazioni dei consumatori che consente lo stop delle rate alle famiglie in difficoltà economiche.

È stato prorogato al 31 gennaio 2013 il termine di presentazione delle domande per la sospensione delle rate dei mutui, per le famiglie in difficoltà economiche.

L’iniziativa, nata tre anni fa grazie ad un protocollo d’intesa tra Abi (Associazione bancaria italiana) e le Associazioni dei consumatori, e inclusa all’interno del “Percorso famiglia”, è già stata utilizzata da oltre 68mila mutuatari, per un valore di oltre 8 miliardi di debito residuo, garantendo ai nuclei interessati una liquidità aggiuntiva di 513 milioni di euro (circa 7.000 euro a famiglia).

Chi può chiedere la sospensione del mutuo

La domanda è presentabile solo nei casi in cui, entro il 31 dicembre 2012, siano accaduti eventi precisi che hanno ridotto il reddito. I fatti per i quali è possibile accedere alla moratoria sono:
la perdita del posto di lavoro (o la cessazione del contratto a termine);
la sospensione o la riduzione dell’orario di lavoro per almeno 30 giorni;
l’entrata in cassa integrazione;
la morte o il grave infortunio di un congiunto.

La richiesta può essere presentata solo da persone fisiche con un reddito non superiore a 40mila euro: un limite relativo al singolo mutuatario, cumulabile fino a 80 mila in caso di mutuo con due intestatari.

La sospensione delle rate è concessa per un massimo di 12 mesi e vale per i mutui ottenuti per l’acquisto, la costruzione o la ristrutturazione dell’abitazione principale, senza distinzione sul tasso di interesse (variabile, fisso, misto) scelto, ma soltanto per un importo non superiore ai 150 mila euro.

Sono escluse dalla moratoria le persone che hanno già fruito in passato di questa iniziativa, e chi ha un ritardo nei pagamenti superiore ai 90 giorni.

Oltre alla sospensione delle rate dei mutui il “Percorso famiglia“, pensato da Abi in collaborazione col Governo, stabilisce tre misure a sostegno delle famiglie: il Fondo nuovi nati (rivolto a chi ha avuto o adottato un figlio), con un prestito agevolato fino a 5 mila euro; il Fondo per la casa; il Fondo studenti, per sostenere lo studio dei figli in fase di crescita.

È possibile avere maggiori informazioni sul “PERCORSO FAMIGLIA” cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Difficoltà col mutuo? Ecco come e quando sospendere le rate