Ancora tagli ai costi della politica e massima trasparenza

Dal primo gennaio 2013 sarà tutto online, abolite le spese di rappresentanza, alla Corte dei Conti il controllo sui bilanci.

Dopo i vergognosi e tristi scandali che, proprio in questi giorni, hanno coinvolto la Regione Lazio, l’Emilia-Romagna fa un altro passo avanti sull’autoriforma del funzionamento dell’Assemblea Legislativa.

Ieri, la riunione dei Capigruppo, tenutasi unitamente all’Ufficio di Presidenza, ha assunto la decisione di procedere celermente alla realizzazione di ulteriori riforme all’insegna del principio della riduzione dei costi e della massima trasparenza.

Mettendo per iscritto quattro punti ben precisi, si è deciso all’unanimità:
1) di sottoporre alla Corte dei Conti, con apposita convenzione, la verifica dei bilanci dei Gruppi assembleari;
2) di ridurre ulteriormente, con un taglio del 30%, le risorse assegnate ai Gruppi assembleari, alle Commissioni e alle Strutture speciali;
3) l’azzeramento di tutte le spese di rappresentanza;
4) di pubblicizzare on-line la documentazione (fatture, scontrini, …) relativa alle spese dei Gruppi.

Già in occasione della prossima Assemblea Legislativa, convocata per martedì 2 ottobre 2012, si procederà a dare attuazione al percorso, assumendo ogni più opportuno provvedimento.

Si tratta di un’ulteriore riduzione dei costi che oscilla tra i 2 e i 2,5 milioni di euro, e che porterà il costo standard relativo al complesso delle funzioni assembleari a 7,50 euro per ogni cittadino dell’Emilia-Romagna.

Già oggi, come la stampa di questi giorni ha ampiamente riportato (vedi tabelle), la nostra Regione ha uno dei costi standard più bassi, pari a circa 8 euro a cittadino, contro i 124 della Valle d’Aosta o i 50 della Sardegna, solo per fare qualche esempio.

Si tratta di un gesto di giustizia e buon senso che, in un momento di grave crisi per tante famiglie ed imprese, come quello che stiamo vivendo anche in Emilia-Romagna, e in un periodo di allontanamento crescente tra le Istituzioni e i cittadini, riteniamo indispensabile per ridare dignità e credibilità alla Politica e ai politici, per il bene e il futuro della nostra democrazia.

Auspichiamo che ai nostri parametri si aggiornino anche tutte le altre Regioni.

Personalmente, da oltre un anno, proprio per rendere conto del mio lavoro quotidiano e rispondere della fiducia che mi avete dato, all’insegna della trasparenza, ho trovato doveroso raccogliere, in un’unica pagina di facile consultazione, il dato delle mie presenze ai lavori in Regione, unitamente alle indennità percepite, alla mia situazione patrimoniale e alle risorse assegnatemi in qualità di Presidente di Commissione per le spese di rappresentanza che, per altro, no ho mai utilizzato.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

5 comments to Ancora tagli ai costi della politica e massima trasparenza

  • Filippo

    Bene!
    Sarebbe anche ora di mettere le mani agli stipendi dei manager, consiglieri delle municipalizzate o ex municipalizzate, e ridurre drasticamente i parcheggi (poltrone) degli ex amministratori, ecc, ecc, ecc, ecc, ecc, ecc, ……………………

  • Beppe

    Bene ! Pero’ sempre in ritardo e solo quando il bubbone scoppia. Concordo con quanto espresso nel post precedente : basta parcheggi e cimiteri di elefanti strapagati, basta stipendi d’oro a dirigenti Hera etc…. . Il solco con la gente è diventato oramai un vallo di adriano smisurato. I politici in generale si stanno dimostrando “ignoranti” (colui che ignora), la gente fra non molto avra’ dei problemi a mettere insieme il pranzo con la cena e loro continuano a sperperare,a blaterare di alleanze e tutta un’altra serie di amenita’ delle quali alla gente non frega proprio piu’ niente.

  • Fringui

    Intanto è notizia di oggi che la procura di Bologna ha aperto una indagine conoscitiva sull’uso dei fondi ai gruppi in Regione Emilia-Romagna:

    http://corrieredibologna.corriere.it/bologna/notizie/politica/2012/28-settembre-2012/fondi-gruppi-regione-procura-apre-inchiesta-2112015027080.shtml

  • pierluigi

    Non capisco perchè questi provvedimenti vengono presi solo ora dopo che sono avvenuti degli scandali e non in passato…… e dovrebbero essere accompagnati dalla riduzione del numero dei consiglieri, dall’eliminazione dei vitalizi, dalla riduzione degli stipendi ecc ecc, intanto la gente fa molta fatica ad arrivare a fine mese tra mille problemi ma questo ai politici non importa altrimenti si comporterebbero diversamente.

  • Fringui

    Secondo uno studio della Confartigianato, l’Emilia Romoagna potrebbe fare a meno del31,9 per cento del suo personale:
    http://www.corriere.it/politica/12_ottobre_23/regioni-dipendente-tre_18505f74-1cd2-11e2-99b8-aac0ed15c6ac.shtml