Contro il gioco d’azzardo, presentato un Progetto di legge

Sostenere chi ha dipendenza, sale lontane dai luoghi frequentati dai giovani e marchio slot freE-R: sono alcune delle misure previste per contrastare e prevenire la patologia.

“Contrastare il fenomeno del gioco d’azzardo e le sue ricadute personali, familiari e il danno sociale legato all’aumento nella popolazione della patologia di dipendenza correlata, denominata gioco d’azzardo patologico (gap)”. È quanto si propone il progetto di legge regionale, annunciato alcune settimane fa, e presentato venerdì scorso da Beppe Pagani (primo firmatario) e sottoscritto anche da tutti i Gruppi di maggioranza (Pd, Idv, Fds, Sel-Verdi) dell’Assemblea Legislativa, dal titolo ‘Norme per il contrasto, la prevenzione, la riduzione del rischio della dipendenza dal gioco d’azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate’.

“La dipendenza da gioco d’azzardo – sottolinea il Consigliere regionale Beppe Pagani, estensore della proposta – è ormai considerata una vera e propria emergenza sociale di grande rilievo. Il gioco d’azzardo patologico non riguarda più una minoranza di cittadini, ma è diventato gioco industriale di massa: il nostro intento, con questo progetto di legge, è quello di dare la possibilità, alle persone affette da gioco d’azzardo patologico, di fare qualcosa per se stessi, la propria famiglia e la società; il risultato sarà un valore aggiunto per tutta la comunità emiliano-romagnola”.

In tutt’Italia – evidenzia la relazione che accompagna il testo di legge – sono 800 mila le persone con dipendenza patologica da gioco d’azzardo, una buona parte di queste sono giovani e giovanissimi e quasi 2 milioni sono i giocatori a rischio dipendenza. Ricerche condotte sul territorio nazionale evidenziano che il gioco d’azzardo aumenta con la diminuzione della scolarizzazione e si notano differenze importanti anche in base al reddito percepito. Gioca, infatti, il 70,8% di chi ha un lavoro a tempo indeterminato, ma la percentuale sale al 73% dei disoccupati, aumenta ulteriormente con l’80,2% dei lavoratori precari e arriva all’86,7% dei cassintegrati.

Il mercato del gioco e, in particolare, quello del gioco d’azzardo, legale ed illegale, in Italia è in fortissima espansione anche con riferimento al gioco d’azzardo on line. – si legge sempre nella relazione – La spesa in Italia è aumentata: dai 14,3 miliardi di euro spesi nel 2000, si è passati a calcolare oggi un fatturato di oltre 79 miliardi di euro nel 2011, di cui 6,34 miliardi spesi nella sola Emilia-Romagna (con riferimento al solo gioco legale) e nel primo semestre del 2012 la spesa in Italia per il gioco d’azzardo è cresciuta del 23,7% rispetto al primo semestre dell’anno precedente (fonte: Monopoli di Stato). Anche l’offerta on line è un settore in aumento nel mercato del gioco d’azzardo e ha rappresentato il 7,5% dei proventi annui del mercato complessivo del gioco.

“Siamo di fronte – sottolinea il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – alla devastazione di troppe vite per accontentarci di raccomandazioni alla prudenza, soprattutto in una realtà regionale tra le più interessate da questo fenomeno, che costituisce la terza industria nel nostro Paese, dopo Eni ed Enel. Basti pensare che la spesa pro-capite in gioco d’azzardo in Emilia-Romagna è pari a 1.442 euro, mentre la media nazionale si attesa a 1.323 euro; a questa cifra si collega poi l’aspetto più devastante, ovvero quella dipendenza patologica che ha effetti drammatici sul piano economico, sociale, familiare e relazionale, laddove il giocatore costruisce un mondo parallelo in cui, anche sulla spinta di messaggi illusori non adeguatamente contrastati da uno Stato che troppo raccoglie attraverso il gioco, appare possibile cambiare tutto e in meglio in un solo istante”.

Il progetto di legge

Le misure prescritte nei 10 articoli della proposta di legge si pongono come principale finalità quella di definire i principi generali e gli strumenti per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio della dipendenza dal gioco d’azzardo patologico in collaborazione con Istituzioni scolastiche, Enti locali, Aziende sanitarie locali, Terzo settore e Associazioni.

Nel progetto di legge vengono inoltre individuate le misure sanitarie di carattere sperimentale e potranno essere promosse iniziative, da parte delle Ausl, che riguardano interventi di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione. In questo ambito sarà possibile attivare interventi di sperimentazione di offerte trattamentali anche di tipo residenziale, la costituzione di strutture specialistiche monotematiche e la formazione e l’aggiornamento specialistico degli operatori sociali e socio-sanitari.

L’attività delle sale da gioco non potrà essere esercitata nel caso di ubicazione in un raggio di 500 metri da istituti scolastici e altri luoghi frequentati principalmente da giovani, luoghi di culto o strutture sanitarie o socio-assistenziali e ricettive per categorie protette. Il Comune potrà individuare altri luoghi “sensibili”, tenuto conto dell’impatto dell’attività, sempre in un raggio di 500 metri.

Il personale operante nelle sale giochi e gli esercenti saranno inoltre tenuti a frequentare corsi di formazione predisposti dalle Ausl sui rischi del gioco patologico e sulla rete di sostegno, e dovranno esporre materiale informativo sui rischi del gioco d’azzardo patologico all’interno delle sale da gioco. La Regione Emilia Romagna rilascerà il marchio ‘Slot freE-R’ ai gestori di esercizi commerciali, circoli privati e di altri luoghi deputati all’intrattenimento che scelgono di non installare nel proprio esercizio le apparecchiature per il gioco d’azzardo.

È possibile scaricare il testo del PROGETTO di LEGGE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.