Un Piano d’azione per una pubblica amministrazione sempre più verde

Con un obiettivo ambizioso: raggiungere il 30% di acquisti verdi entro il 2015.

Una pubblica amministrazione regionale sempre più sensibile ai temi dell’ambiente e dell’ecologia, che orienta le sue scelte ad un sistema di prodotti e servizi ispirati ai criteri di sostenibilità ambientale, con l’obiettivo di raggiungere la soglia del 30% di acquisti verdi sul totale del fabbisogno regionale entro il 2015 (a fronte di una percentuale che nel 2010 raggiungeva soltanto il 13,8% del totale degli acquisti di beni e servizi effettuati con bandi pubblici dalla Regione).

È il traguardo delineato all’interno del Piano d’azione per la sostenibilità ambientale dei consumi pubblici per il triennio 2012-2015 della Regione Emilia-Romagna, approvato questa mattina dall’Assemblea Legislativa, cui è affidato il compito di agire trasversalmente e di incidere in modo integrato sull’insieme delle politiche messe in campo dalla Regione, per promuovere la qualità ambientale come importante presupposto di sviluppo economico, sociale ed agricolo del territorio.

Tra le azioni alla base del Piano, previsto in attuazione della legge regionale 28/2009, quella di dare impulso alla Green public procurement (Gpp): acquisti verdi nelle pubbliche amministrazioni presso tutti gli enti locali (province, comuni, comunità montane e gli altri enti pubblici quali università, enti di ricerca e istituti scolastici, Asl) dell’Emilia-Romagna. La strategia regionale per l’introduzione del Gpp nella prassi dell’Amministrazione regionale e degli enti e agenzie regionali, prevede la formazione e informazione dei dipendenti per accrescere le competenze interne, aumentare la percentuale di acquisti di beni e servizi a ridotto impatto ambientale; incentivare l’introduzione di criteri ecologici negli appalti dei lavori; promuovere il risparmio, la riduzione dell’intensità e l’efficienza energetica; sviluppare il ricorso a fonti energetiche rinnovabili; sostenere il consumo responsabile all’interno degli uffici regionali e degli altri enti pubblici; inserire criteri ecologici nella normativa e nella programmazione regionale.

Nel piano si evidenzia inoltre che, sebbene fino ad ora siano stati sviluppati in Emilia-Romagna azioni e progetti specifici che promuovono il Gpp solo nell’ambito delle procedure per l’affidamento di forniture e servizi, emerge l’interesse di ampliare la sperimentazione dei criteri ambientali anche negli appalti per lavori pubblici. Questa tipologia di appalto “si presta bene ad una sperimentazione riguardante lo sviluppo di criteri ecologici soprattutto nell’accertamento delle capacità tecniche e professionali. Nei bandi verdi fino ad oggi attuati ed aventi ad oggetto la fornitura di beni e servizi, hanno avuto un ruolo centrale soprattutto i marchi e le etichette ecologiche, le tecnologie a basso impatto riguardanti beni e prodotti da fornire ma potrebbe essere utile, anche ai fini della diffusione della certificazione ambientale di processo, una sperimentazione di un bando verde avente ad oggetto un appalto di lavori (o misto)”.

Un gruppo di lavoro costituito ad hoc si occuperà, tra l’altro, della definizione di un programma regionale annuale di attuazione e dell’implementazione delle singole azioni del Piano, per il quale è previsto un monitoraggio di risultato e di efficacia.

Il Presidente Damiano Zoffoli, visti gli “ambiziosi obiettivi del piano, che intende raddoppiare la percentuale degli acquisti verdi”, ha assicurato l’impegno della Commissione Territorio ambiente mobilità a proseguire la riflessione sui risultati del primo anno con una verifica, per poter valutare in corso d’opera l’efficacia e il raggiungimento degli obiettivi indicati.

Alcuni dati

I volumi di spesa per acquisti delle pubbliche amministrazioni in Europa sono mediamente pari al 16,3% del Pil (corrispondenti a circa 1.500 miliardi di euro) e a livello italiano la spesa di stato, regioni, province e comuni, solo per acquisti di beni e servizi, ammonta a circa 50 miliardi di euro.

Per quanto riguarda il ricorso al Green public procurement (Gpp) da parte della Regione Emilia-Romagna e degli enti ad essa afferenti, da un’analisi sui dati del 2010 risulta che sulla totalità di acquisti effettuati, il volume dei bandi pubblici nel 2010 è stato pari a 64.334.498 euro, di cui 8.903.189 hanno rappresentato la fornitura di beni e/o servizi verdi, pari al 13,8% del totale.

È possibile scaricare il testo del PIANO d’AZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.