Priorità alle bici: la Regione aderisce a #salvaiciclisti

La chica de la bici / The Girl on bikeLargo alle biciclette in Emilia-Romagna. Questa settimana l’Assemblea legislativa regionale ha approvato all’unanimità due risoluzioni per garantire più tutele ai ciclisti e incoraggiare l’uso delle due ruote a pedale.

Non si tratta di leggi, ma di atti di indirizzo che impegnano la Giunta regionale ad attuare politiche ben precise. La volontà dei consiglieri è chiara: le biciclette non inquinano, fanno bene alla salute, decongestionano città ostaggio del traffico. Per questo devono essere incentivate in tutti i modi possibili.

Cosa che ad oggi non sempre avviene. Pensiamo solo agli infortuni in itinere: chi si reca in bici al lavoro, o sta tornando a casa, non è coperto dall’assicurazione. Per questo l’Assemblea ha chiesto di estendere le tutele previdenziali ai tragitti casa-lavoro percorsi in bicicletta.

Vengono sposate le iniziative popolari di promozione dei mezzi di trasporto non inquinanti, facendo propri gli otto punti della campagna “#Salvaiciclisti. Punti che mirano a fermare un strage silenziosa: negli ultimi dieci anni sono morti 2556 ciclisti in Italia, mentre nel 2010 in Emilia-Romagna il 10 per cento di tutte le vittime d’incidenti stradali erano ciclisti.

Tra le proposte del manifesto, codificate in una proposta di legge del senatore Ferrante che la Regione si impegna a supportare in ogni sede, ci sono prescrizioni di sicurezza per gli autoarticolati che entrano nei centri urbani, la messa in sicurezza dei 500 incroci più pericolosi d’Italia, la realizzazione di un’indagine sulla mobilità e infortunistica dei ciclisti, l’obbligo per l’Anas di destinare il 2 per cento del proprio budget a piste ciclabili di nuova generazione.

Il manifesto “#Salvaiciclisti” prevede inoltre una migliore formazione di ciclisti e autisti con nuovi test di guida, l’adozione di un limite di 30 chilometri l’ora nelle aree residenziali sprovviste di piste ciclabili, l’obbligo per i Comuni di nominare un commissario alla ciclabilità, l’invito ai privati di sponsorizzare la creazione di piste ciclabili sulla falsariga del modello londinese.

Si tratta di proposte del tutto in linea con le leggi regionali, che già da tempo invitano a: “favorire la priorità a pedoni, ciclisti e mezzi pubblici, nelle aree urbane”. Per questo una risoluzione chiede alla Giunta di promuovere iniziative, piani e programmi regionali tesi ad aumentare la sicurezza dei ciclisti sulle strade, anche coinvolgendo i Comuni in sede di predisposizione dei Piani urbani del traffico.

Allo stesso tempo si chiede alla Giunta di promuovere in tutte le sedi più opportune progetti di legge di modifica al Codice della strada per la sicurezza dei ciclisti e favorire iniziative che sensibilizzino all’uso della bici per il maggior numero possibile di persone e al rispetto dei ciclisti da parte degli automobilisti.

E’ possibile scaricare le risoluzioni approvate QUI e QUI.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.