Nuove colonnine di ricarica per le auto elettriche

Il servizio sarà esteso nei prossimi mesi in Romagna (Forlì, Cesena e Ravenna) e a Ferrara

Emilia Romagna: con Enel cresce l’auto elettricaSi può essere amici dell’ambiente fin che si vuole, ma senza una rete di “distributori” a servizio delle auto elettriche difficilmente queste potranno mai prendere piede nell’uso quotidiano.

Per questo la Regione ha avviato due anni fa un protocollo d’intesa con Enel e le principali città dell’Emilia e della Romagna. Un accordo che, ad oggi, ha permesso di servire le città di Rimini, Bologna, Reggio Emilia e Piacenza, cui si sono aggiunte Imola e Modena grazie a distributori elettrici Hera con tecnologia interoperabile con quelli Enel.

Questa settimana l’accordo si è esteso ad altre città, coinvolgendo Forlì, Cesena, Ravenna e Ferrara. In queste città saranno installate nei prossimi mesi 20 colonnine di ricarica, cinque per città, portando a 120 il numero totale di colonnine disponibili in Emilia-Romagna. I proprietari di auto elettrica, dunque, potranno viaggiare in tutto il territorio regionale con la garanzia di trovare un “distributore elettrico” ogni 30 o 40 chilometri, eliminando il rischio di rimanere a piedi con le pile scariche.

“Ancora una volta l’Emilia-Romagna coniuga il diritto alla mobilità con la tutela dell’ambiente – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli, presidente della commissione Ambiente, Trasporti e Mobilità all’Assemblea legislativa –. La Regione lo ha già dimostrato in passato favorendo l’apertura di distributori a Metano e Gpl, tanto da essere oggi una delle realtà italiane meglio servite sul fronte delle alimentazioni alternative a benzina e diesel. Con l’estensione delle colonnine di ricarica per le auto elettriche facciamo un passo ulteriore verso una mobilità sostenibile. Non è un caso che per la ricarica dei mezzi elettrici si possa utilizzare la tessera regionale “Mi muovo”, che già permette di accedere ai mezzi pubblici della regione e ai servizi di bike sharing”.

I Comuni dovranno ora definire la collocazione delle colonnine di ricarica in luoghi pubblici dotati di parcheggio. Tutti i Comuni coinvolti, inoltre, si sono impegnati ad aprire le porte delle proprie Zone a traffico limitato (Ztl) alle auto elettriche, concedendo anche il parcheggio gratuito sulle strisce blu previa registrazione dell’auto in Comune.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.