L’aumento dell’Iva è un attacco al welfare

The feeling of sun on fingertipsTra le cose da cambiare nel disegno di legge Stabilità, presentato dal Governo in Parlamento, ce n’è una poco discussa da giornali e Tv ma che potrebbe avere effetti gravi sul sistema di welfare. Si tratta dell’aumento dell’Iva dal 4 al 10 per tutte le prestazioni socio-assistenziali ed educative messe in atto dalle cooperative sociali.

“Sarebbe l’ennesimo colpo di grazia al welfare del nostro Paese – hanno commentato i Consiglieri regionali Damiano Zoffoli e Beppe Paganiun aggravio di ben 510 milioni di euro, ripartiti per il 70 per cento sulla Pubblica amministrazione e per il 30 per cento sugli utenti finali dei servizi. Utenti che includono le fasce più deboli della popolazione, che vedranno aumentare i costi oppure ridurre i servizi”.

Per questo Zoffoli e Pagani hanno presentato un’interrogazione alla Giunta regionale chiedendo che sia riconosciuta la funzione della cooperazione sociale quale “parte fondamentale del sistema di welfare del nostro Paese”, una risorsa “da preservare riconoscendole un valore importantissimo per la costruzione del bene comune, dato che in questi anni ha permesso l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate e la fornitura di servizi a costi contenuti per gli Enti locali”.

In Emilia-Romagna, ricordano i Consiglieri nel loro documento, operano 911 cooperative sociali che danno lavoro a 36.373 dipendenti, con un valore della produzione di oltre 1339 milioni di euro (dati Unioncamere, Rapporto sull’economia regionale).

L’interrogazione chiede poi alla Giunta regionale quali azioni intenda intraprendere per modificare il previsto aumento dell’Iva dal 4% al 10% sui servizi resi dalle cooperative sociali, anche intervenendo in sede di Conferenza Stato-Regioni, al fine di sensibilizzare il Governo a correggere la norma in questione che – puntualizzano i Consiglieri – “va contro l’idea di collaborazione sussidiaria tra pubblico e privato, mettendo in pericolo la tenuta di un settore così cruciale per la qualità della vita del nostro intero territorio regionale”.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.