Al via la gestione diretta del rischio in sanità: risparmi e maggiore efficienza

Dal prossimo anno la Regione Emilia-Romagna rimborserà direttamente i cittadini che hanno subito danni e farà a meno delle compagnie assicurative in ambito sanitario.

L’Assemblea legislativa ha approvato la legge “Norme per la copertura dei rischi derivanti da responsabilità civile negli Enti del Servizio sanitario regionale”, che ci permette di fare un ulteriore passo in avanti nell’assunzione diretta di responsabilità verso i cittadini e verso gli operatori del Servizio sanitario regionale anche quando si verificano eventi avversi.

Ci assumiamo in prima persona, Aziende sanitarie e Regione, la gestione dei contenziosi e il risarcimento in tempi rapidi degli eventuali danni accertati.

Ma non ci limitiamo a questo, che pure rappresenta un cambiamento radicale della gestione del contenzioso. Con questo provvedimento rafforziamo anche gli interventi di prevenzione del rischio e istituiamo un Osservatorio, di cui chiameremo a far parte anche rappresentanze dei cittadini, per dar conto in modo trasparente e pubblico dei sinistri e dei risarcimenti, ma anche delle linee guida per la prevenzione degli eventi avversi.

L’obiettivo che ci poniamo, assumendoci la responsabilità di tutto il percorso di cura, è di rafforzare il clima di fiducia nel Servizio sanitario sia da parte dei cittadini che da parte degli operatori, convinti che questo rafforzamento rappresenti la condizione necessaria per difendere il Servizio sanitario pubblico, anche in un momento di pesante crisi come quella che stiamo attraversando.

Negli ultimi anni, con i premi assicurativi che salivano e le franchigie sempre più alte, la forbice tra i costi pagati dalla Regione alle compagnie assicurative e i risarcimenti incassati si è allargata moltissimo: se si considerano gli anni dal 2006 al 2011 vediamo che la Regione ha pagato 260 milioni di euro di premio, contro 40 milioni di risarcimenti. Tutte risorse che potranno essere risparmiate e utilizzate per migliorare la prevenzione dei sinistri e rendere più rapidi i risarcimenti, con una ricaduta positiva sull’intero sistema.

L’esperimento interesserà le Ausl della Romagna, il Sant’Orsola di Bologna e l’azienda ospedaliera di Reggio Emilia, e funzionerà così: per i risarcimenti fino a 100mila euro (il 90 per cento dei casi), la gestione sarà delle singole aziende sanitarie, tra i 100mila e 1 milione e 500mila ci sarà una cogestione tra aziende e Regione, oltre il milione e mezzo sarà indetto un bando europeo per un’unica polizza regionale.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Al via la gestione diretta del rischio in sanità: risparmi e maggiore efficienza

  • carlo sozzi

    Complimenti!
    Mi sembra un buon colpo contro quelle sanguisughe delle assicurazioni.
    Ma cosa cambia per i medici (colpa grave, ecc. ecc.)?

  • Caro Carlo,
    per i medici non cambia nulla, resteranno vincolati ai doveri ed alle responsabilità precedenti all’entrata in vigore della legge.
    Viene invece modificato, come hai letto, il rapporto delle Aziende sanitarie (per quanto riguarda le loro responsabilità e non quella dei singoli medici) con le assicurazioni e, di conseguenza, con i pazienti che dovessero rivendicare rimborsi (lo faranno direttamente all’Azienda e non più all’assicurazione).
    Il provvedimento legislativo nasce, infatti, dall’analisi dei costi/benefici del rapporto tra le aziende sanitarie e le compagnie assicurative, oltre che dalla necessità di migliorare e velocizzare l’eventuale rimborso al cittadino.
    Solo nel 2011, il costo sostenuto dal Servizio sanitario regionale per le assicurazioni ha toccato i 48 milioni di euro (considerando sia i premi effettivamente versati, pari a circa 46 milioni di euro, che i circa 2 milioni comunque pagati direttamente dalle Aziende sanitarie a causa delle franchigie previste dai contratti assicurativi), a fronte di risarcimenti effettivi da parte delle assicurazioni pari a circa 3 milioni di euro. Una “forbice” che resta significativa, anche considerando un arco temporale più ampio, come hai letto nel testo del post qui sopra.
    L’altra novità sarà l’attività di monitoraggio, compiuta attraverso un Osservatorio regionale, che dovrà provvedere alla ricognizione, organizzazione ed elaborazione delle informazioni relative ai fattori di rischio, ma anche alle prassi cliniche e organizzative di dimostrata efficacia nel prevenirli.
    In sintesi, risparmio di denaro, risparmio di tempo per i cittadini e maggiore attenzione alla prevenzione all’interno delle prassi cliniche, sono gli obiettivi di questa legge.
    Damiano Zoffoli