Nessun nuovo switch off: la Rai resta sulla frequenza 24

Broadcast TowerL’Emilia-Romagna schiva il rischio di un nuovo switch-off televisivo, sia pure in scala ridotta. A quasi due anni dal passaggio delle trasmissioni televisive dal sistema analogico a quello digitale terrestre, i cittadini della regione correvano il rischio di perdere di colpo i principali canali Rai.

Le trasmissioni di Rai 1, Rai 2, Rai 3, Rai News e quelle delle tre Radio Rai, infatti, si sarebbero dovute spostare dall’attuale frequenza Uhf 24 ad un’altra frequenza. A qualcuno sarebbe bastata una semplice risintonizzazione del decoder. Ma per molti altri il rischio di chiamare nuovamente un antennista sarebbe stato più che concreto.

La frequenza liberata sarebbe finita all’asta, nel cosiddetto “beauty contest”, a disposizione degli operatori di telefonia mobile. Un’eventualità, questa, che l’Assemblea legislativa ha cercato di scongiurare nei mesi scorsi con l’approvazione di tre risoluzioni (la 2583, 2972 e 2995) che impegnavano la Giunta regionale a farsi carico del problema presso il Ministero dello Sviluppo economico, l’Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni e la Rai.

Dopo mesi di pressing, il rischio è stato scongiurato. In ottobre il Ministero dello Sviluppo economico ha assegnato definitivamente alla Rai, per i prossimi 20 anni, il diritto d’uso delle frequenze per l’intera area regionale. A comunicarlo ai consiglieri regionali, nei giorni scorsi, è stato l’assessore alle Reti infrastrutturali Alfredo Peri.

Ora, però, bisogna andare oltre. Restano da risolvere, infatti, i problemi di propagazione del segnale dai ripetitori friulani che spesso (specie nel periodo estivo) hanno disturbato la ricezione del segnale Rai nei comuni della riviera.

La conferma del canale Uhf 24, comunque, sgombra il campo dalle incertezze e rappresenta una buona base di partenza per il lavoro futuro dei tecnici.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.