Finanziamenti regionali per “vere” piste ciclabili

Bike path to OberlinCinque milioni di euro per la realizzazione di piste ciclabili e infrastrutture verdi, ma solo se saranno realmente a misura di cittadino: in sede protetta, collegate alla rete esistente, meglio se immerse nel verde.

È quanto stanzia un bando della Regione rivolto ai Comuni che hanno aderito all’accordo per la qualità dell’aria 2012-2015 e che si sono impegnati ad attuare le misure in esso previste, come le limitazioni sul traffico e le domeniche ecologiche.

Il bando regionale rivolge un’attenzione prioritaria a interventi che completino e migliorino la rete ciclo-pedonale già esistente. Nessun percorso che finisca in aperta campagna, dunque, ma circuiti all’interno del centro abitato o di collegamento con i centri abitati limitrofi, tali da garantire una reale e concreta fruibilità da parte dei cittadini.

Proprio per questo la Regione, sulla scorta dell’esperienza già sviluppata con i Concorsi di architettura per la riqualificazione urbana, ha deciso di accompagnare il bando con un workshop a cui parteciperanno progettisti ed esperti del settore, che sarà realizzato entro la fine dell’anno e che avrà lo scopo di promuovere interventi di elevata qualità progettuale ed architettonica.

Il bando finanzierà piste ciclabili in sede propria, percorsi promiscui pedonali e ciclabili, infrastrutture verdi (fasce boscate, aree verdi di collegamento). Anche in quest’ultimo caso la progettazione integrata costituirà uno dei criteri di valutazione.

Il finanziamento sulle piste ciclabili rientra nel pacchetto di interventi strutturali previsti dall’ultimo Accordo per la qualità dell’aria che stanzia 35 milioni di euro per il triennio 2012-2105. I progetti vanno presentati alla Regione entro il 31 gennaio 2013.

È possibile scaricare il testo del BANDO cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Finanziamenti regionali per “vere” piste ciclabili

  • giancarlo romanini

    decisamente un bando che ancora una volta finanzia interventi parziali, non supportati da visioni efficaci di insieme (PUM, PUMS, PUT, BICIPLAN) e che non richiede impegni precisi sugli obbiettivi da raggiungere (MODAL SHIFT di progetto).
    finanziare itinerari ciclo-pedonali e “piste ciclabili” in sede propria in città dimostra una visione vecchia della mobilità ciclabile.
    forse sarebbe il caso di finanziare visioni più evolute.
    ma per farlo bisognerebbe evolvere.
    cominciate a studiarvi il LIBRO ROSSO uscito dagli STATI GENERALI DELLA BICICLETTA.
    oppure continuerete a buttare soldi pubblici.