Cesenati a Firenze da Matteo Renzi

Per il terzo anno consecutivo l’ex stazione Leopolda di Firenze ha visto stringersi attorno a Matteo Renzi tutti i “rottamatori” d’Italia, tra proposte e idee per l’Italia di domani.

I partecipanti cesenati sono stati una ventina, veterani degli anni scorsi assieme a volti nuovi. Hanno preso parte a tutte le diverse fasi di lavoro, dalle riunioni riservate ai comitati ai momenti comuni.

“Per sentire delle proposte serie e di sinistra bisognava venire qui – commenta Gabriele Borghetti, referente dei comitati per Matteo Renzi sorti nel cesenate – altro che mancanza di proposte, qui c’è una visione d’Italia diversa. Penso a Oscar Farinetti, fondatore di Eataly, e alla sua lotta contro la burocrazia. O alle proposte del senatore Pietro Ichino, dal lavoro alla trasparenza totale della pubblica amministrazione, idee in grado di far ripartire questo paese e creare nuova occupazione giovanile. Idee che possono sembrare forse eretiche all’attuale sinistra italiana, ma che sono all’ordine del giorno in gran parte del continente. Non a caso la sinistra italiana si è rivelata fino ad oggi la più inconcludente d’Europa: l’unico lavoro che è stata in grado di tutelare è quello del politico. Ma la politica non può essere un lavoro, bensì una passione alla quale si dedica il meglio di sé per qualche tempo, prima di tornare al proprio lavoro e alla propria vita”.

“Renzi interpreta il bisogno di cambiamento che scuote questo paese – gli fa eco il consigliere regionale Damiano Zoffoli – un cambiamento chiesto a gran voce dalle tante persone che abbiamo incontrato in queste settimane di incontri in vista delle primarie. Ora l’occasione per un cambiamento della politica e dell’intero Paese è a portata di mano. Per questo è importante che tutti vadano a votare alle primarie del centrosinistra il 25 novembre. Come ha detto Matteo Renzi, meglio perdere 15 minuti in fila al seggio per il voto che perdere i prossimi cinque anni”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.