La Regione ha chiesto una sospensione della direttiva Bolkestein

Nel giorno della manifestazione degli imprenditori balneari davanti alla sede della Regione, l’Assemblea legislativa ha approvato una risoluzione che chiede all’Italia di fare come la Spagna.

500mila addetti in Italia e più di 160mila imprese, di cui 10mila solo in Emilia-Romagna, rischiano di essere messe in crisi dalla direttiva europea Bolkestein. È anche per questo che, con una risoluzione discussa, e approvata all’unanimità, in Assemblea legislativa i Consiglieri regionali dell’Emilia-Romagna hanno chiesto al Governo di sospendere l’iter di recepimento della direttiva, in attesa di indispensabili chiarimenti.

La Bolkestein prevede che, a partire dal 2015, l’affidamento delle concessioni sul demanio marittimo avvenga attraverso bandi con procedura ad evidenza pubblica.

“La direttiva, – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – voluta per avvantaggiare imprese e consumatori attraverso la riduzione di molti passaggi burocratici, pone però molte difficoltà alle piccole e piccolissime imprese locali del nostro territorio, poco competitive su mercati troppo vasti, e agli operatori del commercio ambulante, su aree pubbliche.

Negli scorsi mesi il recepimento da parte di alcuni Paesi europei è avvenuto con modalità che sembrano contrastare con i principi della Bolkestein, ma che hanno ottenuto il via libera dell’Unione Europea. La Spagna, ad esempio, ha prorogato di ben 75 anni le concessioni demaniali marittime in scadenza nel 2018, per ragioni di tutela ambientale e per la salvaguardia del patrimonio immobiliare e imprenditoriale, evitando così l’asta pubblica prevista dalla direttiva europea.

“Visti gli ultimi avvenimenti è indispensabile un confronto immediato fra Governo italiano e vertici europei. La Regione è al fianco dei lavoratori impegnati nel settore, e con la risoluzione approvata oggi in Aula invitiamo il Governo ad attivarsi in sede UE affinché le medesime condizioni riconosciute alla Spagna siano accordate a tutti gli Stati membri, al fine di evitare disparità di trattamento, e a sospendere l’iter di recepimento della Bolkestein, in attesa dei necessari chiarimenti” conclude Zoffoli.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.