Credito a tasso agevolato per le imprese agricole

La Regione mette a disposizione 1,6 milioni di euro per abbassare i tassi di interesse. Corsia preferenziale per le imprese colpite dalla siccità.

Sant Romá de SauSe per le imprese l’accesso al credito è un fattore importante, per quelle colpite da calamità naturali diventa addirittura decisivo. Per questo la Regione ha stanziato 1,6 milioni di euro al fine di rendere più conveniente il finanziamento delle aziende agricole emiliane e romagnole, con una corsia preferenziale per quelle colpite dalla siccità dell’estate scorsa.

I fondi permetteranno di abbassare dell’1,5 per cento il tasso di interesse applicato dalle banche e si applicheranno a prestiti da 6mila a 150mila euro per 12 mesi, per un totale di 106 milioni di euro di finanziamenti.

“Si tratta di un piccolo aiuto per gli agricoltori – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – ma importante perché possano avviare con serenità la prossima annata, in special modo quelle aziende agricole che hanno perso buona parte del raccolto la scorsa estate”.

Il provvedimento, approvato dalla Giunta su proposta dell’Assessore all’agricoltura Tiberio Rabboni, si affiderà ai cinque consorzi fidi presenti in Regione (gli Agrifidi interprovinciali di Parma-Piacenza e Bologna-Ravenna-Forlì-Cesena, e Rimini, quelli provinciali di Ferrara, Modena e Reggio Emilia), incaricati di istruire le pratiche ed erogare i fondi.

Le imprese agricole potranno presentare domanda al proprio istituto di credito, e al Confidi del proprio territorio, entro il 15 marzo 2013. L’importo del prestito verrà calcolato sulla base delle superfici coltivate, dei capi allevati o delle attività svolte. Per figurare tra le imprese colpite dalla siccità farà fede la delibera di Giunta regionale n. 1528 del 23 ottobre scorso, che definisce territori e periodi della calamità.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.