Nevone: 4,7 milioni di euro per le aziende agricole danneggiate

Dal 28 novembre si possono presentare le domande di contributo, anche se le misure regionali sono ancora in attesa di approvazione europea.

snowed underDopo i due milioni di euro stanziati per contribuire alle spese sostenute dai Comuni nel febbraio scorso, saranno ora le aziende agricole danneggiate dal nevone a poter usufruire dei nuovi fondi messi a disposizione per ripristinare la loro capacità produttiva.

Con l’approvazione del Programma Operativo della misura 126 del Piano di Sviluppo Rurale la Regione ha infatti dato il via alla procedura per avviare questa nuova linea di intervento. I finanziamenti potranno essere richiesti per il rifacimento delle strutture danneggiate o distrutte (inclusi gli impianti frutticoli, oliveti e vigneti), per l’acquisto o la riparazione di macchinari, impianti e attrezzature danneggiati, per le spese tecniche generali e per il ripristino del potenziale produttivo.

Le domande di aiuto potranno essere presentate dal 28 novembre 2012 al 29 marzo 2013 e dovranno comprendere richieste economiche tra i 20.000 e i 100.000 euro (per una quota non eccedente il 50% della spesa totale).

“Fermo restando che la concessione degli aiuti resta subordinata all’approvazione definitiva da parte della Commissione europea – afferma Damiano Zoffoli – l’intenzione della nostra Regione di intervenire a sostegno dell’economia del territorio rurale danneggiata dall’eccezionale nevicata, espressa in più circostanze, è stata rispettata. Non si tratta semplicemente di rimborsi di danni subiti ma di veri e propri incentivi per le aziende che intendono ripartire con la loro attività sul nostro territorio. Aziende che hanno già investito e che intendono investire di nuovo in Romagna. Questa delibera poi accelera anche i tempi, anticipando il definitivo parere della Commissione per fare in modo che le aziende agricole danneggiate possano già da ora iniziare a presentare le domande, accorciando così l’iter per l’istruttoria”.

È  possibile scaricare la delibera con il PROGRAMMA OPERATIVO degli INTERVENTI cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.